Acne. Studio americano rivela: un eccesso di vitamina B12 probabile causa

Los Angeles, California (USA), 30 giugno 2015 – I brufoli non sono una conseguenza dovuta solo a cibo spazzatura, cioccolato, merendine e patatine fritte: una delle probabili cause dell’acne sarebbe la vitamina B12. E’ quanto emerge dai risultati di una ricerca della University of California di Los Angeles, negli Stati Uniti secondo cui un eccesso di vitamina B12 altera il metabolismo dei batteri della pelle causando infiammazione, e quindi l’acne. I ricercatori hanno scoperto che la vitamina B12 influisce, in particolare, sull’attività metabolica di un batterio presente sulla pelle delle persone che soffrono di acne, il Propionibacterium acnes.

[easy_ad_inject_1]Lo studio ha dimostrato che la vitamina B12, contenuta in carne, pesce, uova e latticini, influisce sul metabolismo del batterio dell’acne, appunto, il Propionibacterium acnes, e su quello degli altri batteri presenti sulla pelle stimolandoli a secernere un composto infiammatorio che produce i brufoli.

Per lo studio, Dezhi Kang della UCLA David Geffen School of Medicine e il suo team hanno fatto assumere integratori di vitamina B12 a 10 persone con la pelle chiara e sana. Uno di loro ha sviluppato l’acne dopo una sola settimana di sperimentazione. Lo scopo dei ricercatori era di comprendere se ci fosse una differenza tra l’espressione genica dei batteri della pelle nei pazienti con acne, rispetto ai soggetti sani con la pelle chiara.

I microbi dall’acne hanno 109 geni che sono più attivi rispetto al normale e 27 che sono meno attivi. L’assunzione di vitamina B12 può causare cambiamenti simili in questi batteri. I ricercatori californiani ritengono che questi geni sono un potenziale bersaglio per lo sviluppo di nuovi farmaci, un nuovo approccio per ridurre la produzione di porfirina e l’infiammazione, ma è troppo presto per dire se i risultati del team avranno implicazioni cliniche.

Il team ha scoperto che il processo di sintesi della vitamina B12 del Propionibacterium acnes (P.acne) nei pazienti con acne era più basso rispetto a soggetti sani, e proprio questo dato di fatto li ha portati a studiare la relazione tra la vitamina B12 e l’acne. Molti batteri possono sintetizzare la vitamina B12 ma necessitano di una buona attività metabolica. Il corpo richiede vitamina B12 per la corretta formazione dei globuli rossi, la funzione neurologica e la sintesi del DNA.

Dai risultati ottenuti, i ricercatori hanno evidenziato che alcuni soggetti sono più vulnerabili rispetto ad altri a causa della complessità di interazione tra i batteri e l’ospite. Dalla sperimentazione è emerso, inoltre, che una dose eccessiva di vitamina B12 induce il batterio dell’acne, il Propionibacterium acnes, a secernere profirina, una molecola legata al processo di biosintesi della vitamina B12 che, provocando infiammazione, diviene causa del disturbo della pelle, appunto l’acne.

“L’infiammazione è uno dei fattori dell’acne. Ci sono eventi non infiammatori, con forme di acne lieve. L’acne grave di solito comporta una vasta infiammazione nelle cellule della pelle. Con questo studio stiamo cercando di capire il meccanismo in termini molecolari, cioè come funzionano i batteri della pelle nel processo della malattia. Il problema non è solo la vitamina B12, ma bisogna comprendere come l’attività dei batteri può innescare malattie della pelle del suo ospite, o il mantenimento della salute della pelle”

ha detto l’autore dello studio Huiying Li, professore di farmacologia molecolare e medica presso la David Geffen School of Medicine presso la UCLA.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Science Translational Medicine.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *