Afghanistan: Borbardato dalla Nato l’ospedale di Medici Senza Frontiere a Kunduz. 3 morti e 30 dispersi

Kabul (Afghanistan), 3 ottobre 2015 – Continuano senza sosta i combattimenti tra l’esercito governativo con l’appoggio aereo USA e gli insorti talebani per la conquista e il controllo di Kunduz City, città situata in Afghanistan settentrionale, capoluogo della provincia di Konduz.

[easy_ad_inject_1]Fonti di Medici Senza Frontiere riferiscono che tre loro operatori sarebbero rimasti uccisi sotto un bombardamento che ha colpito l’ospedale di Kunduz. Una trentina di persone dello staff mancherebbero attualmente all’appello. Tuttavia MsF spiega che non è chiaro se l’attacco aereo sia stato portato dalle forze afghane o americane.

La Nato, che supporta con bombardamenti aerei l’azione dell’esercito afghano, con un comunicato avrebbe ammesso che per errore potrebbe essere stato bombardato un ospedale a Kunduz. A quanto si apprende l’ospedale sarebbe stato parzialmente distrutto.

L’ospedale traumatologico di Medici Senza Frontiere (MSF) a Kunduz da giorni è strapieno di feriti dopo i pesanti combattimenti tra forze governative e dell’opposizione scoppiati lunedì in città. In soli due giorni le equipe di MSF hanno trattato 171 feriti, tra cui 46 bambini. Cinquanta persone sono arrivate in condizioni critiche. La maggior parte dei pazienti ha gravi ferite da arma da fuoco e i chirurghi di MSF stanno trattando ferite all’addome, agli arti e alla testa.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *