You are here
Home > Salute > Alcol. Allarme “binge drinking” tra i giovani: i dati del Ministero della Salute

Alcol. Allarme “binge drinking” tra i giovani: i dati del Ministero della Salute

Fallback Image

Roma, 23 marzo 2016 – E’ sempre più allarme “binge drinking” tra i giovani. La dipendenza dall’alcol è uno di quei fenomeni che colpisce anche i giovanissimi, parliamo di ragazzini di 11 anni che hanno dichiarato che hanno consumato 6 o più bicchieri di bevande alcoliche in un’unica occasione almeno una volta negli ultimi 12 mesi.

E’ uno dei dati che emerge dalla Relazione del ministro della Salute trasmessa al Parlamento nei giorni scorsi, sugli interventi che sono stati realizzati ai sensi della legge 125/2001 in materia di alcol e problemi ad esso correlati.

Secondo i dati ISTAT, – si legge nella nota del Ministero della Salute – nel corso del 2014 il 63% degli italiani di 11 anni e più (pari a 34 milioni e 319 mila persone) ha consumato almeno una bevanda alcolica, con prevalenza notevolmente maggiore tra i maschi (76,6%) rispetto alle femmine (50,2%). Il 22,1% dei consumatori (12 milioni circa di persone) beve quotidianamente (33,8% tra i maschi e 11,1% tra le femmine).

Nonostante nel 2014 si registri un lieve calo dei consumatori giornalieri, rispetto all’anno precedente, risulta in aumento il consumo di alcol occasionale e al di fuori dei pasti, meglio conosciuto come binge drinking: nel 2013 infatti erano il 25,8% mentre nel 2014 la percentuale di consumatori è salita al 26,9%.

La situazione più allarmante è rappresentata dal fatto che i consumatori di binge drinking sono soprattutto i giovani, tra i 18 e i 24 anni, e i giovani adulti tra i 25 e i 44 anni, che sono soliti consumare alcol in occasioni e contesti legati al divertimento e alla socializzazione. Aumentano i consumatori di alcol anche tra le donne (in tutte le fasce di età) che sono passate dal 14,9% del 2005 al 16,5% del 2014.

Il Ministero della Salute sottolinea come il fenomeno del binge drinking desta particolare allarme, con gravi rischi per la salute e la sicurezza non solo del singolo bevitore ma anche delintera società.

Tra gli altri dati contenuti nella Relazione, è emerso inoltre che “nel 2014, il 10,0% degli uomini e il 2,5% delle donne di età superiore a 11 anni hanno dichiarato di aver consumato 6 o più bicchieri di bevande alcoliche in un’unica occasione almeno una volta negli ultimi 12 mesi che corrispondono ad oltre 3.300.000 persone di età superiore a 11 anni, con una frequenza che cambia a seconda del genere e della classe di età della popolazione. Le percentuali di binge drinker sia di sesso maschile che femminile aumentano progressivamente nel secondo decennio di vita e raggiungono i valori massimi tra i 18-24enni”.

Il consumo di altri alcolici, come aperitivi alcolici, alcolpops, oltre a vino e birra, è in costante aumento soprattutto tra i giovani di 18-24 anni. Destano preoccupazione anche i 2,7 milioni di consumatori di alcol nella cosiddetta fascia “giovani anziani” (65-74 anni) in quanto soggetti a rischio er patologie e problematiche alcol-correlate.

Similar Articles

Lascia un commento


Top