Alfano. Omicidio stradale e ergastolo della patente: “Ho preso l’impegno”

Roma, 27 aprile 2015 – Da tempo i familiari delle vittime della strada chiedono l’introduzione dell’omicidio stradale come reato che preveda pene più dure contro i pirati della strada che uccidono vittime innocenti, colpevoli solo di essersi trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato. Tra i provvedimenti aggiuntivi si richiede inoltre l’ergastolo della patente, la impossibilità cioè che chi si macchia di omicidio stradale non possa più condurre un’automobile in vita sua.

[easy_ad_inject_1]Il Ministro dell’Interno Angelino Alfano torna sull’argomento e dichiara di aver preso un impregno preciso che l’omicidio stradale diventi norma operante nel nostro sistema giuridico. “Sull’omicidio stradale ho preso l’impegno che diventi norma la più presto” ha dichiarato Alfano da Napoli dove si è recato per la riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza. “Non faro’ un passo indietro – ha aggiunto – e non mollo sull’ergastolo della patente. Le commissioni in Parlamento hanno lavorato su un testo per il reato e sulla delega per l’introduzione dell’ergastolo della patente. Molti ritengono che questa pena sia incostituzionale, ma io continuo su questa strada”.

Alfano ricorda inoltre che è questa la linea anche del Presidente del Consiglio Matteo Renzi: “ne abbiamo parlato – ha detto – una sanzione non può lenire chi, come i familiari delle vittime, è condannato al dolore”.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it