Allarme Mers in Oriente: la nuova Sars fa tre vittime in Sud Corea

Seoul (Corea del Sud), 4 giugno 2015 – E’ allarme in Oriente per la diffusione di una sindrome chiamata Mers, Middle East Respiratory Syndrome, denominata la nuova Sars. La Mers o MERS-CoV, Sindrome respiratoria del Medio Oriente da coronavirus, è causata da un virus aggressivo e letale, considerato il cugino più mortale del virus responsabile della Sars, anche se meno contagioso.

[easy_ad_inject_1]Le autorità sud coreane hanno confermato che nel Paese sono già morte tre persone a causa della Mers. L’ultima vittima, un uomo di 82 anni, ricoverato per asma e polmonite batterica, è deceduto la scorsa notte. L’uomo aveva condiviso la stanza con dei pazienti che avevano contratto la Mers.

A due settimane dal primo caso registrato, quello di un uomo di 68 anni ricoverato il 20 maggio scorso a cui è stata diagnosticata la Mers dopo un viaggio in Arabia Saudita, attualmente sarebbero 35 le persone che hanno contratto la Mers nella Corea del Sud, mentre sono centinaia le persone poste in isolamento e sotto osservazione per evitare che il contagio si diffonda in modo esponenziale. Si parla di oltre 1300 persone poste sotto diversi livelli di quarantena e tra queste molte avrebbero già contratto il virus.

Nel Paese c’è massima allerta, le autorità coreane hanno istituito una task force per far fronte all’emergenza e contenere i rischi di contagio della Mers.

Più di 700 scuole, dalle materne alle superiori, sono state chiuse in risposta ai timori pubblici su quella che è diventata la più grande epidemia di sindrome respiratoria in Medio Oriente (Mers) al di fuori dell’Arabia Saudita. Altri cinque casi sono stati confermati giovedì scorso dal Ministero della Salute coreano, portando il numero totale di infezioni conosciute a 35.

L’amministrazione del presidente, Park Geun-Hye, e i funzionari della sanità in generale, sono stati criticati per aver risposto troppo lentamente al focolaio iniziale. In una riunione di emergenza con i funzionari della sanità, il Presidente coreano ha chiesto il “massimo sforzo” per arginare la diffusione del virus e il panico tra la gente.

La Mers ha infettato 1.161 persone nel mondo, con 436 decessi. Più di 20 paesi sono stati colpiti. La maggior parte dei casi sono stati registrati in Arabia Saudita.

Il virus causa della Mers è un coronavirus simile al virus causa della SARS. Ad oggi non esiste una cura conosciuta per contrastare e combattere la Mers che ha già causato la morte di centinaia di persone in Asia nel 2003. Statisticamente la Mers provoca la morte di circa un terzo di coloro che contraggono il virus.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto di aspettarsi più focolai di infezioni in Corea del Sud, ma ha sottolineato che non vi era “alcuna evidenza di trasmissione sostenuta della comunità”, anche se si tratta del focolaio di infezione più grande riportato al di fuori del Regno dell’Arabia Saudita, dove la malattia emerse nel mese di aprile 2012 e dove si è verificata la stragrande maggioranza dei casi.

L’OMS spiega che la MERS-CoV è una malattia emergente che resta poco conosciuta. Molto sul comportamento del virus resta avvolto nell’incertezza scientifica, anche se sembra che il virus venga trasmesso dai dromedari agli esseri umani attraverso uno stretto contatto.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità è fiduciosa che le indagini in corso in Corea del Sud, tra cui il sequenziamento del virus e la condivisione dei risultati, contribuiranno ad una maggiore comprensione scientifica di questa malattia.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *