Allarme skinny jeans superaderenti. Rischio danni a muscoli e nervi delle gambe

Adelaide (Australia) 25 giugno 2015 – L’allarme skinny jeans, così chiamati perché superadarenti, è stato lanciato da alcuni medici australiani in seguito al ricovero presso il Royal Adelaide Hospital in Adelaide, Australia, di una donna di 35 anni che ha riportato gravi danni ai nervi e ai muscoli delle gambe. La donna aveva indossato i jeans per un’intera giornata passata a pulire armadietti insieme ad un familiare che stava traslocando ed è rimasta per molte ore accovacciata con i jeans strettissimi addosso. Tornando a casa è caduta perché ha perso forza alle gambe e non è riuscita più a rialzarsi.

[easy_ad_inject_1]La donna è stata trattenuta in ospedale per quattro giorni. I medici per intervenire hanno dovuto tagliare i jeans e con enorme sorpresa hanno scoperto che la donna aveva subito dei danni severi ai nervi e ai muscoli delle gambe causati proprio da quei pantaloni troppo stretti. La 35enne si è presentata in ospedale accusando debolezza delle caviglie e gonfiore alle gambe. Ha riferito ai medici che l’hanno soccorsa di aver sentito i jeans sempre più stretti e scomodi nel corso della giornata.

Il caso ha fatto tanto clamore da essere riportato in un articolo pubblicato sul Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry, nel quale il neurologo Thomas Kimber, e i suoi colleghi, che hanno assistito la paziente, l’ha definita come “una vittima della moda“. In breve, la prolungata posizione assunta dalla paziente aveva provocato un’interruzione della circolazione del sangue nei muscoli dei polpacci comprimendo i due dei nervi maggiori che le avevano fatto accusare debolezza e mancanza di forza alle gambe.

Thomas Kimber ha spiegato che i jeans stretti sono già stati segnalati come possibile causa di lesione dei nervi dell’inguine, ma non si erano ancora registrati casi come quello della paziente assistita recentemente, che ha riportato, appunto,  gravi danni ai nervi e ai muscoli delle gambe a causa dalla riduzione dell’afflusso di sangue ai muscoli dei polpacci, problema aggravato ovviamente da jeans superaderenti.

“La lesione ai muscoli del polpaccio ha causato il rilascio di alcune proteine nel flusso sanguigno e la donna ha dovuto essere sottoposta a fleboclisi per eliminarle e prevenire danni ai reni. Questo è il primo caso conosciuto di danni nervosi e muscolari alle gambe sotto il ginocchio. Penso che ciò sia causato dalla non elasticità dei jeans. I pantaloni stretti con più elasticità non sono potenzialmente pericolosi in quanto non vanno a stringere i nervi e i muscoli. Diversamente accade per i jeans skinny. Per evitare danni basterebbe semplicemente dire: sono troppo vecchio per indossarli. Se proprio non potete fare a meno di indossarli ricordatevi di non stare troppo tempo in posizione accovacciata e al primo sintomo di formicolio ci si deve rialzare per riattivare la circolazione del sangue”

ha spiegato il dottor Kimber.

Dopo quattro giorni di ricovero, la donna accusava ancora un po’ di debolezza nelle gambe ma uscita dall’ospedale ha poi recuperato completamente. Kimber ha detto che non sa se la giovane donna indosserà ancora i jeans skinny, ma di certo l’ha messa in guardia dall’indossarli mentre è affaccendata con lavori che comportano lo stare abbassati sulle gambe per molto tempo.

Le persone, spiegano gli specialisti, devono essere consapevoli che ci sono segnali di allarme che non vanno assolutamente sottovalutati, come un formicolio o una sensazione di intorpidimento alle gambe. Tutto ciò è sintomo di un aumento della pressione nell’arto. Una volta che la gamba inizia a gonfiarsi, il meccanismo si è già messo in moto. Molte volte è necessario un intervento chirugico per alleviare la pressione nell’arto e per fare in modo che i muscoli infiammati riescano a guarire. Nei casi più gravi si è dovuto ricorrere persino all’amputazione dell’arto. Forse sapere che i Jeans stretti possono essere causa di problemi neurologici, da oggi farà riflettere di più le persone prima di decidere di indossarli.

[easy_ad_inject_2]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *