You are here
Home > Salute > Autismo: via libera alla prima legge nazionale: prevenzione, diagnosi e cura nei Lea

Autismo: via libera alla prima legge nazionale: prevenzione, diagnosi e cura nei Lea

Fallback Image

Roma, 8 agosto 2015 – Con l’approvazione in sede deliberante della prima legge nazionale sull’autismo da parte della Commissione Igiene e Sanità del Senato, l’autismo sarà inserito nei Livelli essenziali di assistenza per creare gli strumenti per migliorare le condizioni di vita di chi ne soffre e dei suoi familiari. Tuttavia, la nuova legge non ha una copertura finanziaria, non è stato infatti destinato alcun budget per l’attuazione della “prima legge sull’autismo” di cui “tutti” parlano con orgoglio.

[easy_ad_inject_1]Ciò significa che lo Stato dovrebbe farsi carico dei costi di prevenzione, cura e diagnosi dei disturbi dello spettro autistico. Tuttavia, siccome non sono state stanziate ulteriori coperture finanziarie, la legge dispone che le amministrazioni interessate vi dovranno provvedere con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili secondo la vigente legislazione.

“Il provvedimento varato, e per il quale ringrazio tutti i componenti della Commissione del Senato, oltre l’aggiornamento delle linee guida per la prevenzione, diagnosi e cura, così più efficaci, guarda alla realizzazione di condizioni migliori di vita attraverso l’inserimento sociale delle persone affette dal disturbo. Un altro impegno che il Governo aveva assunto con i rappresentanti delle associazioni è stato rispettato, e grazie all’iter accelerato in sede deliberante lo abbiamo fatto nei tempi previsti. Quella approvata oggi è una norma che ci consegna grande soddisfazione perché frutto di un complesso lavoro collettivo, svolto insieme ai rappresentati della comunità scientifica e delle associazioni e delle famiglie”

ha dichiarato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

La prima legge nazionale sull’autismo, come ha sottolineato anche il sottosegretario alla Salute Vito De Filippo, consente un primo grande sostegno concreto a migliaia di cittadini e alle loro famiglie.

“Grazie a questa norma arriva l’aggiornamento delle linee guida per prevenzione, diagnosi e cura, l’incentivazione alla ricerca. Oggi il Servizio Sanitario Nazionale compie decisamente un passo avanti di cui siamo molto orgogliosi”

commenta De Filippo.

La legge sull’autismo si compone in tutto di 6 articoli. Eccoli di seguito.

1. Si prevedono interventi finalizzati a garantire la tutela della salute, il miglioramento delle condizioni di vita e l’inserimento nella vita sociale delle persone con disturbi dello spettro autistico, in conformità a quanto previsto dalla risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite A/RES/67/82 del 12 dicembre 2012 sui bisogni delle persone con autismo.

2. L’Istituto Superiore di Sanità aggiornerà le Linee guida sul trattamento dei disturbi dello spettro autistico in tutte le età della vita sulla base dell’evoluzione delle conoscenze fisiopatologiche e terapeutiche derivanti dalla letteratura scientifica e dalle buone pratiche nazionali e internazionali.

3. Aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza (LEA) con l’inserimento, per quanto attiene ai disturbi dello spettro autistico, delle prestazioni della diagnosi precoce, della cura e del trattamento individualizzato, mediante l’impiego di strumenti basati sulle più avanzate evidenze scientifiche.

4. Il Ministero della salute, entro 180 giorni dall’entrata in vigore della legge, provveda, previa intesa in sede di Conferenza unificata, in applicazione dei LEA, all’aggiornamento delle linee di indirizzo per la promozione ed il miglioramento della qualità e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali nei disturbi dello spettro autistico. Le linee di indirizzo sono aggiornate con cadenza almeno triennale e l’attuazione di esse costituisce adempimento ai fini della verifica del Comitato permanente per la verifica dei livelli essenziali di assistenza.

5. Il Ministero della salute promuove lo sviluppo di progetti di ricerca riguardanti la conoscenza del disturbo dello spettro autistico e le buone pratiche terapeutiche ed educative.

6. Dall’attuazione della legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica. Le amministrazioni interessate alla relativa attuazione vi provvedono con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente.

L’autismo: chiamato originariamente Sindrome di Kanner, è considerato dalla comunità scientifica internazionale un disturbo neuro-psichiatrico che interessa la funzione cerebrale; la persona affetta da tale patologia esibisce un comportamento tipico caratterizzato da una marcata diminuzione dell’integrazione socio-relazionale e della comunicazione con gli altri ed un parallelo ritiro interiore.

[easy_ad_inject_2]
Vincent Dimaggio
Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it
http://www.notiziefree.it

Similar Articles

Lascia un commento


Top