Battistero di Firenze. Per il restauro ci pensano i rocciatori

Firenze, 13 maggio 2015 – E’ una squadra di rocciatori in cordata ad occuparsi del restauro del Battistero di San Giovanni di Firenze, dedicato a san Giovanni Battista, patrono della città di Firenze, e che sorge di fronte al duomo di Santa Maria del Fiore, in piazza San Giovanni.

I restauratori del Consorzio San Zanobi, a cui l’Opera di Santa Maria del Fiore ha affidato i lavori hanno affidato l’arduo compito di trattare la copertura di marmo del Battistero agli scalatori specializzati in lavori edilizi in cordata che dall’11 maggio scorso hanno iniziato i lavori di pulizia della copertura marmorea calandosi dall’alto dell’edificio a partire da un’altezza di circa 35 metri.

[easy_ad_inject_1] Il restauro, che interessa tutto il rivestimento marmoreo delle otto facciate esterne, delle falde di copertura e della lanterna, si è mosso sul principio secondo cui “la conoscenza è alla base della buona conservazione” come sostiene il vicepresidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore, Francesco Gurrieri.

“L’impresa è cominciata oggi, – fa sapere l’Opera di Santa Maria del Fiore con una nota pubblicata sul suo sito ufficiale – quando operatori specializzati si sono calati dai quasi quaranta metri d’altezza per affrontare il trattamento della copertura marmorea del monumento. Gli scalatori hanno affiancato i restauratori del Consorzio San Zanobi, a cui l’Opera di Santa Maria del Fiore ha affidato i lavori. E’ il rush finale per un cantiere iniziato nel febbraio del 2014 e arrivato ad un passo dalla conclusione, prevista entro il prossimo 30 settembre. Dopo il completamento delle facciate, si passa da oggi alle falde di copertura e alla lanterna del Battistero. L’intervento dei rocciatori è indubbiamento spettacolare. Già dalla prima mattina i turisti e gli stessi fiorentini si sono fermati incuriositi ad osservare l’operazione, “ipnotizzati” dalla singolare scalata “sopra i tetti di Firenze”. conclude la nota

Il restauro del Battistero di San Giovanni è iniziato a febbraio 2014, dopo 70 anni dall’ultimo intervento, e finirà entro settembre 2015. Il restauro interessa tutto il rivestimento marmoreo delle otto facciate esterne, delle falde di copertura e della lanterna. Si tratta di una delle tappe fondamentali del programma di interventi messi in campo dall’Opera di Santa Maria del Fiore in vista dell’apertura del nuovo Museo dell’Opera.

Il video dell’operazione di trattamento da parte dei rocciatori

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *