Biglietti Expo gratis per i tesserati PD under 30. Grillo, Salvini, Gelmini e altri contro

Biglietti pd expo

Milano, 9 aprile 2015 – Nell’Italia delle promozioni la politica si adegua e parla sempre di più il linguaggio del supermercato. Fino ora eravamo abituati alle offerte di Berlusconi (memorabile la chiusura di una campagna elettorale del Cavaliere che disse all’ultimo minuto “Se mi votate prometto che abolisco l’ICI”), ma fa senso che tale tecnica arrivi da un partito che deriva da quello dei lavoratori.

Sta facendo discutere l’iniziativa del PD di Milano annunciata da Pietro Bussolati che prevede biglietti gratis per l’ingresso all’Expo di Milano per i giovani sotto i 30 anni che decidono di iscriversi al PD.

Non è una promozione sulle reti Mediaset di quelle che ti regalano insieme alle pentole anche la bicicletta e il ferro da stiro, ma è la triste realtà di una politica sempre più mercificata e offre le proprie idee politiche a prezzo scontato pur di prendere qualche cliente in più.

Perché clienti sono e non più iscritti convinti ad un partito coloro che si tesserano al PD mossi dalla “tentazione commerciale” di avere un biglietto gratis per l’expo. Il sostrato di idee che dovrebbe essere alla base di un partito e che dovrebbe solo esso spingere la motivazione di aderirvi si riduce ad una promozione da supermercato e l’iniziativa ha fatto non poco arrabbiare diversi esponenti politici da Gelmini a Ferrero, passando per Salvini e Beppe Grillo.

[easy_ad_inject_1]Il PD milanese spiega per voce di Pietro Bussolati:

“Vogliamo che tanti milanesi visitino Expo. Per questo abbiamo deciso di acquistare e rivendere i tagliandi ai nostri iscritti con una promozione dedicata. E per i giovani under 30 che si iscriveranno al Partito Democratico di Milano ci sara’ un’opportunità in piu’: con 25 euro riceveranno tessera 2015 e un biglietto per visitare Expo”.

Ma quanto costa iscriversi al PD? A Milano iscriversi al Pd costa 30 euro, mentre per un giovane sotto i 30 anni il prezzo dell’iscrizione è di 15 euro. Ma grazie al riciclo di biglietti che arrivano dalla politica è possibile alzare il prezzo a 25 euro per gli under 30 che sono contenti di avere un biglietto che probabilmente al PD non costa nulla.

Paolo Ferrero, segretario nazionale di Rifondazione comunista commenta:

“L’offerta promozionale del Pd di Milano che regala un buono sconto per entrare all’Expo ai giovani che prendono la tessera del Pd mi pare coerente con il decadimento di quel partito, che non ha più niente di sinistra: a quando il tre per due? Del resto il Pd non è venduto ai poteri forti ma ne è espressione organica e quindi ne utilizza anche i codici comunicativi: anche l’iscrizione al partito è diventata una merce e visto che non vale tanto, può essere venduta solo con lo sconto! Il problema in realtà non è il Pd ma chi ancora pensa che questo abbia qualcosa a che vedere con la sinistra. Non a caso Arnaldo Cestaro è iscritto a Rifondazione e considera il Pd la sua controparte”.

Matteo Salvini è netto:

“E’ una proposta della disperazione. Non so se in allegato c’e’ anche una bottiglia del vino di D’Alema. Evidentemente, loro se lo possono permettere: buon per il Pd che ha migliaia di euro da regalare e che ha finanziamenti e finanziatori, noi non compriamo tessere regalando biglietti”.

Maria Stella Gelmini coordinatore lombardo di Forza Italia, ha dichiarato che l’iniziativa “sminuisce Expo che da evento universale diventa un’evento piccolo, provinciale, targato Partito democratico. Piegare Expo alle convenienze di un partito politico, tingerlo dei colori del Pd, significa ridurne il valore. Inutile arrampicarsi sui muri con la scusa di contribuire a promuovere la manifestazione. Cosi’ non si promuove Expo, ma lo si banalizza”.

Anita Pirovano, coordinatrice metropolitana di Sel Milano afferma che

“Il biglietto di Expo in omaggio con la tessera di un partito esprime un approccio alla politica che non ci appartiene. Mischiare il tesseramento alla promozione di un evento, non capendo poi se l’omaggio sia il biglietto o la tessera, non è ciò che noi intendiamo come innovazione della forma partito. Al 1+1 preferiamo decisamente il crowfounding”

[tweet id=”585741367126728705″ align=”left”]

Beppe Grillo sul suo Blog non ha pietà:

“Pd science fiction (ooh ooh ooh) double feature. Il Pd ha perso 400.000 iscritti in un anno, gliene sono rimasti 100.000. Per promuovere il tesseramento hanno avuto un’idea geniale: compra la tessera pd e ti diamo il biglietto per entrare gratis a Expo. Due pacchi al prezzo di uno”. “Venghino siori venghino! Dopo il successo strepitoso dell’abbinata tessera Pd – Unità (fallita), ora arriva tessera Pd – Expo. La sfiga ci vede bene, il Pd ancora meglio”. “Una curiosità: quanti biglietti Expo ha acquistato il pd? E’ solo una pessima idea o è un modo per gonfiare il numero dei biglietti venduti che si prevede sarà irrisorio?”

Dopo tutte le polemiche il PD Milanese si difende su Facebook:

“Siamo onorati di tutta l’attenzione che si sta dando all’affaire ‘il Pd vende i biglietti di Expo’. State sereni! Il Pd di Milano è in regola con le procedure di rivendita dei biglietti di Expo essendo un rivenditore ufficiale autorizzato come molti altri in città e fuori. Possiamo far avere ai nostri iscritti ad un prezzo vantaggioso i biglietti aperti, e a nostra discrezione (non ricevendo alcun finanziamento pubblico ma basandoci solamente, da ormai 1 anno, su libere sottoscrizioni volontarie) abbiamo scelto di far avere ai giovani la possibilità di visitare l’esposizione universale ad un prezzo ridotto e per loro accessibile. Le università stanno agevolando la visita ad expo per i loro studenti, noi abbiamo pensato di contribuire ad allargare quest’offerta anche ai giovani che universitari non sono offrendo loro sia la possibilità di partecipare alla vita del nostro partito che quella di vedere l’esposizione. In ogni caso, a brevissimo, sarà pubblicato il regolamento finanziario per esteso che darà i dettagli di tutta l’operazione”.

Poi spiega in una nota

“Essere reseller di Expo 2015 significa dare l’opportunita’ ai nostri iscritti, e solo a loro, di acquistare un biglietto per essere protagonisti di un evento unico per Milano e per l’Italia, planetario e solidale. Ci siamo definiti ExpoOttimisti e per questo abbiamo deciso di prenotare 100 biglietti, come hanno fatto e possono fare tutte le associazioni, per metterli a disposizione dei nostri iscritti che potranno avere i biglietti a 22 euro. Abbiamo anche scelto di fare un investimento particolare sui giovani, dando la possibilita’ agli iscritti under30 di avere il biglietto a soli 10 euro. Partecipare a Expo – aggiunge – significhera’ vivere un’esperienza che ci fara’ diventare un po’ piu’ cittadini del mondo ed e’ per questo che siamo orgogliosi di sostenere un evento che ha al centro il tema dell’alimentazione e del diritto al cibo, a partire dai paesi piu’ poveri”.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *