Bollette in aumento: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%

Milano, 29 settembre 2015 – Da ottobre scattano gli aumenti tariffari su bollette di luce e gas. Secondo quanto stabilito dall’Autorità per l’energia, dopo i ribassi nei primi nove mesi del 2015, dal 1° ottobre la bolletta della famiglia tipo dell’elettricità subirà un aumento del 3,4% mentre quella del gas del 2,4%. E’ quanto prevede l’aggiornamento delle condizioni economiche di riferimento per le famiglie e i piccoli consumatori in tutela per il quarto trimestre 2015.

[easy_ad_inject_1]L’aumento delle tariffe viene giustificato con il rialzo dei costi di approvvigionamento complessivo della “materia energia” che per quanto riguarda, in particolare, l’energia elettrica sarebbe dovuto in gran parte allo scostamento tra l’andamento effettivo del prezzo sul mercato all’ingrosso dell’energia elettrica nel terzo trimestre rispetto alle stime effettuate nel mese di giugno.

L’aumento delle tariffe per il gas dipenderebbe invece da diversi elementi.

“Da una parte risulta in leggera diminuzione (-0.6% sulla variazione complessiva della spesa per il cliente tipo) la componente per l’approvvigionamento della materia prima che riflette le attese al ribasso delle quotazioni all’ingrosso nei mercati a termine in Italia e in Europa, in linea con la tendenza delle altre commodity energetiche, rendendo meno evidente la dinamica stagionale dei prezzi del gas. Questa leggera riduzione viene però annullata da una crescita delle maggiorazioni sui costi di trasporto (componente Qt, +1,3% circa sulla variazione complessiva della spesa per il cliente tipo), in particolare della componente che si applica solo nel periodo invernale a copertura degli oneri derivanti dalla disponibilità delle infrastrutture di stoccaggio, dall’aumento della componente GRAD (la cui modulazione quadriennale è stata definita nell’ambito della riforma delle condizioni economiche di tutela a copertura dei costi di transizione dal vecchio al nuovo riferimento di prezzo per la materia prima gas, +1,2%), dal leggero adeguamento della componente CPR (in funzione del conseguimento del gettito a copertura del meccanismo per la rinegoziazione dei contratti di lungo termine, +0,4%) e della componente CCR (a copertura dei costi connessi all’attività di approvvigionamento, maggiori nella stagione invernale, +0,1%). Si arriva così all’aumento del +2,4% finale sulla bolletta del cliente tipo”

spiega in una nota l’Autorità per l’Energia.

Dalla’analisi dei dati, risulta tuttavia che la spesa per la famiglia tipo nel 2015, nonostante l’aumento delle tariffe nell’ultimo trimestre, sarà di circa 505 euro, in calo del -2,2% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente, corrispondente ad un risparmio di oltre 11 euro. Per quanto riguarda invece il gas la spesa della famiglia tipo per lo stesso periodo sarà di circa 1.123 euro, con una riduzione del 4,2%, corrispondente a un risparmio di circa 50 euro rispetto all’anno scorrevole.

In totale il risparmio complessivo nel 2015 di una famiglia media per elettricità e gas sarà di oltre 60 euro.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l’autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore..
Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *