Boom di pillole dell’amore made in Italy: 600mila italiani insoddisfatti da farmaci classici

Firenze, 28 aprile 2015 – Crescono i consumi della nuova “pillola dell’amore” tutta made in Italy. Sono tanti, infatti, gli insoddisfatti dei farmaci tradizionali, specie per timore degli effetti collaterali, che preferiscono il nuovo ritrovato tutto italiano. Nel nostro Paese, su 1,5 milioni di pazienti in cura per disfunzione erettile, quasi la metà, ben 600mila, rifiutano le vecchie terapie. E’ quanto emerge dal meeting Best 2015 che si è tenuto a Firenze, dove si sono messi a confronto gli andrologi della Società Italiana di Andrologia (SIA), della Società Italiana di Andrologia e Medicina Sessuale (SIAMS) e della Società Italiana di Urologia (SIU), ritenuti tra i primi al mondo nel campo della salute sessuale maschile.

[easy_ad_inject_1]Dai dati presentati nel corso del meeting, è emerso che nell’ultimo anno la nuova pillola dell’amore è stata scelta ben 1,2 milioni di volte, con una media di 4000 compresse al giorno. Oltre alla paura dei possibili effetti collaterali, i 600mila italiani insoddisfatti che hanno optato per la nuova pillola, ritengono che i “farmaci classici” non consentono una vita sessuale normale, costringendoli a programmare i rapporti, ed è più che ovvio che eliminata (per forza di cose) la naturalezza si toglie il meglio alla vita sessuale di una coppia.

Ed è proprio questo il motivo principale che ha fatto aumentare le vendite della nuova pillola tutta made in Italy, che è riuscita così a spodestare le vecchie pillole blu, come Viagra e Cialis che, per anni, sono state la soluzione per tutti coloro che hanno problemi di disfunzione erettile.

“Il nuovo farmaco dell’amore, Avanafil, ha un profilo d’azione adatto a colmare un vuoto nelle attuali terapie della disfunzione erettile. E’ più sicura e facile da assumere rispetto agli altri farmaci in commercio e risulta così ben tollerata da poter essere utilizzata con successo, senza rischio di aumento di effetti collaterali anche al dosaggio più alto di 200 milligrammi”

ha spiegato Giorgio Franco, presidente della Società Italiana di Andrologia (SIA).
[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *