Ecco Beneforte: la nuova varietà di broccoli che contrasta il colesterolo cattivo

broccolo cancro

Norwich (GB), 9 aprile 2015 – Il super broccolo, già arrivato sulle tavole britanniche, ha un nome che è tutto un programma: Beneforte. Si tratta di una nuova varietà di broccoli “modificata” grazie a un mix tra diverse specie di broccolo, tra cui anche il siciliano, che è risultata efficace nel contrastare il colesterolo cattivo (LDL) presente nel sangue, contribuendo a migliorare significativamente la salute del nostro cuore e a ridurre il rischio di cancro.

Secondo i suoi sviluppatori, il nuovo broccolo è in grado di ridurre del 6% i livelli di colesterolo nel sangue. Questo nuovo tipo di broccoli, già disponibile nei supermercati britannici, è stata ottenuta aumentando di due o tre volte rispetto alla media la quantità di glucorafanina, un glucosinolato presente nei broccoli e cavolfiori, in particolare nei giovani germogli, con proprietà chemiopreventive e antinfiammatorie.

[easy_ad_inject_1]Il broccolo Beneforte è stato sviluppato utilizzando tecniche di riproduzione tradizionali dai ricercatori dell’Institute of Food Research di Norwich Research Park, con la collaborazione del John Innes Centre, dell’Università di East Anglia e della società Seminis Vegetable Seeds Inc.

I ricercatori inglesi dell’Institute of Food Research, in collaborazione con l’Università di Reading, hanno condotto due studi indipendenti. Sono stati reclutati 130 volontari, uomini e donne tra i 50 e i 76 anni. Sono stati suddivisi in due gruppi: il primo doveva aggiungere alla propria dieta una quantità pari a 400 grammi a settimana di broccoli Beneforte con alto contenuto di glucorafanina; il secondo doveva invece aggiungere alla propria dieta 400 grammi di broccoli normali.

Dopo 12 settimane, i ricercatori hanno riscontrato che i livelli di colesterolo LDL nel loro sangue erano diminuiti, in media, di circa il 6%, sottolineando che i benefici potrebbero essere ancora maggiori se i broccoli si assumessero crudi o appena saltati in padella.

I risultati di questa nuova ricerca hanno dimostrato, dunque, che i broccoli Beneforte, con un quantitativo maggiore di glucorafanina, avrebbero la capacità di risintonizzare i processi metabolici che possono subire squilibri con l’avanzare dell’età o la mancanza di esercizio fisico, spiegano i ricercatori.

La glucorafanina è un glucosinolato, una sostanza naturale che aiuta a regolarizzare il metabolismo, le cui proprietà, insieme a quelle del sulforafano, sostanza anch’essa presente nei broccoli, sono in grado di sviluppare un’azione chemiopreventiva e antinfiammatoria.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Molecular Nutrition & Food Research.
[easy_ad_inject_2]

Un pensiero riguardo “Ecco Beneforte: la nuova varietà di broccoli che contrasta il colesterolo cattivo”

  1. Da quel che mi parte di capire il Beneforte è presente solo sul mercato britannico. Quando sarà disponibile da noi?
    Se davvero è tanto efficace nel combattere l’LDL perché non sostituisce del tutto le altre varietà? L’aspetto è uguale, se anche il sapore è lo stesso non dovrebbe essere un problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *