Canada. Le api hanno un nuovo lavoro: trasportare pesticidi naturali su colture

Vancouver (Canada), 6 novembre 2015 – Un’azienda canadese di Vancouver, la Bee Vectoring Technology, ha sviluppato un sistema che “sfrutta” le api per trasportare i pesticidi naturali o altri materiali sulle colture, piante o fiori che siano. Lo chiamano “bee vectoring“, ape vettore.

[easy_ad_inject_1]In pratica, il nuovo sistema (originariamente sviluppato da ricercatori dell’Università di Guelph) prevede che nell’arnia sia posizionato un piccolo vassoio contenente una polvere composta da pesticidi naturali, ovviamente, e da un fungo, il Gliocladium roseum, che non provoca alcun danno o disturbi agli insetti ma che è efficace nell’attaccare i parassiti delle piante.

I bombi vengono per forza di cose in contatto con questa polvere che rimane attaccata alle loro zampette e, uscendo dall’alveare, per svolgere il loro normale lavoro di impollinatori, la trasportano sui fiori proteggendoli dai parassiti.

Le api, in tal modo, forniscono una piccola quantità di pesticidi naturali e funghi benefici mentre sono impegnate nella loro opera di impollinazione, con un sistema del tutto innocuo per loro e per l’ambiente, contribuendo, inconsapevolmente, a diminuire la quantità di pesticidi chimici che si utilizza oggi per le coltivazioni.

Secondo Michael Collinson, presidente e CEO della società canadese, con le tecniche tradizionali solo l’1% dei pesticidi spruzzati finisce dove si suppone, mentre l’altro 99% finisce a terra o come deflusso. Inoltre, i pesticidi che vengono spruzzati possono andare alla deriva con la brezza, mentre centinaia di litri sono usati nella miscela, contribuendo ad un minor processo sostenibile. Per non parlare dei problemi ambientali connessi all’utilizzo di pesticidi chimici.

Le api invece sono in grado di fornire pesticidi ogni giorno per gemme che sono in fiore. In più, i bombi, provenienti da alveari commerciali contenenti circa 200-300 insetti, possono visitare fino a 10 fiori per minuto e volare a temperature relativamente più basse rispetto alle api mellifere, trasportando una quantità maggior di 10 volte di polline o pesticida.

“Immaginate di avere un frutteto di mele, anche se si può spruzzare e utilizzare un particolare tipo di pesticida spray non riuscirà mai a coprire ogni fiore. Grazie a questo sistema, invece, le api trasportano il prodotto ogni giorno, ad ogni singolo fiore”

spiega Michael Collinson.

La BVT ha svolto anni di test per assicurarsi che il processo è sicuro per le api. In pratica le api veniva già in contatto con questi materiali naturali sono che non li trovavano sempre sulla loro strada, ora invece, spiegano dall’azienda, lo fanno in modo controllato e, soprattutto, sempre.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *