Canzone Happy birthday, copyright del “Buon compleanno a te..” non è valido

Roma, 23 settembre 2015 – Happy Birthday è senz’altro la canzone più cantata al mondo, inevitabile colonna sonora corale di ogni festa di compleanno in ogni angolo del pianeta.
[easy_ad_inject_1]

Molti non sanno che la celebre canzoncina di auguri è stato fino ad oggi tutelato dal diritto d’autore, copyright che fa capo al gruppo editoriale Warner Chappell Music e a lui attribuito dopo il pagamento di 15 mln di dollari al Birch Tree Group, che era succeduta alla Clayton F.Summy Co. originaria proprietaria di “Happy Birthday”.
Ebbene un giudice federale USA ha deciso con sentenza che il copyright della canzone Happy Birthd non è valido. Più esattamente il copyright registrato dalla Clayton nel 1935 garantisce i diritti solo per alcuni tipi di arrangiamento della canzone, ma non della canzone stessa.

Cosa cambia dunque per chi dovrà domani festeggiare il compleanno e si aspetta che sia cantata la celebre canzone da parenti e amici? In pratica niente. Cambia molto per le casse della Warner che non potrà più battere cassa ogni volta che la canzone viene cantata in film, radio o programmi tv.
[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l’autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore..
Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Un pensiero riguardo “Canzone Happy birthday, copyright del “Buon compleanno a te..” non è valido”

  1. Io sapevo che la durata del copyright è di soli 70 anni, dopo di che diventa di dominio pubblico, Questa durata, in linea di principio, è proporzionale ai costi da remunerare, e non ho quindi capito i motivi legali di questa disputa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *