“L’anno che verrà” su Rai1: bestemmia e countdown sbagliato. Vaticano: “tv fuori controllo”

Matera, 2 gennaio 2016 – Rai di tutto di più. Con questo celebre claim dell’azienda televisiva pubblica italiana, potrebbe ben descriversi in negativo quanto accaduto durante la trasmissione “L’anno che verrà”, la diretta di San Silvestro condotta da Amadeus e Rocco Papaleo su Rai 1.

Dopo due giorni risuonano ancora forti su internet e sui quotidiani nazionali le polemiche per una serie di svarioni gravi che una televisione di Stato non dovrebbe fare.

Mentre sulle reti Mediaset Gigi D’Alessio cantava da Bari, su Rai 1 la mezzanotte è stata festeggiata con un minuto (abbondante) di anticipo. Non solo: nel sottopancia dello schermo è stato mandato in diretta un sms di auguri con tanto di bestemmia.

Gli utenti che dovranno pagare il canone con la bolletta telefonica (100 euro l’anno a rate) sono arrabbiati.

La Rai con una nota ha chiesto scusa e sospeso il responsabile della messa in onda degli sms: “In merito al messaggio gravemente offensivo passato erroneamente in diretta durante la trasmissione L’anno che verrà e sfuggito al filtro tra gli oltre 150 mila sms arrivati per celebrare l’arrivo del nuovo anno, la Rai porge le sue scuse a tutti i telespettatori», si legge nella nota. “Il mancato controllo è frutto di un errore umano, il responsabile è stato immediatamente individuato e sospeso dall’azienda”.

Sul piede di guerra l’Associazione telespettatori cattolici (Aiart) che non accetta le scuse di Viale Mazzini e attraverso il suo presidente Luca Borgomeo fa sapere: “La Rai ha poco a che scusarsi per la bestemmia. Succede quando si vogliono fare ascolti a tutti i costi, visto che ogni sms veniva fatto pagare 51 centesimi. È possibile che nessuno abbia controllato? “La bestemmia è quanto di più odioso, ma con la logica di mancato controllo che la Rai ha adottato sarebbe potuto passare anche un messaggio di incitamento all’Isis”.

Anche il leader della Lega, Matteo Salvini, ha commentato il caso: “Raiuno festeggia il Capodanno con un minuto di anticipo, alla Fantozzi, e manda in onda una bestemmia fra gli sms degli spettatori. A scusarsi, e magari a dimettersi, non deve essere un passacarte o un funzionario, ma chi è pagato per fare il dirigente”

Le dissavventure della sfortunata trasmissione si sono arricchite dell’assenza per malore di Claudio Lippi, che avrebbe dovuto condurre la diretta insieme a Rocco Papaleo e Amadeus. Lippi è stato ricoverato alcune ore prima della diretta in osservazione presso l’unità di terapia intensiva dell’ospedale Madonna delle grazie di Matera.

Alle critiche si aggiungono anche quelle del Vaticano attraverso il giornale della Santa Sede, L’Osservatore Romano, che scrive: “Brindisi anticipato, il finale di Star Wars rivelato, parolacce e addirittura una bestemmia. Tutto in diretta. Non è stato certo un Capodanno tranquillo quello della Rai”. E la tv rischia di diventare uno strumento “fuori controllo”.
“Il problema – si legge ancora – è che la televisione, pubblica o privata che sia”, ricerca a tutti i costi una dimensione social. Ed è proprio per questo che corre il forte pericolo di “sfuggire di mano”, “con l’alibi dello share”. L’Osservatore Romano sottolinea inoltre che la spiegazione dell'”errore umano” sulla bestemmia in Rai rivela come tale espressione sia considerata di fatto “irrilevante, se non addirittura accettabile”.

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *