Caso Guidi. M5S promuove mozione di sfiducia. Renzi: “discuteremo in parlamento”

Roma, 2 aprile 2016 – Turbolenze sono in atto nelle aule della politica dopo le dimissioni del Ministro Guidi in seguito alla pubblicazione delle intercettazioni tra lei e il suo compagno, l’imprenditore Gianluca Gemelli, indagato dalla procura di Potenza nell’ambito dell’inchiesta sul traffico illecito di rifiuti.

Il premier Matteo Renzi ha accettato le dimissioni e ha annunciato che “Per ora prendo l’interim, poi vedremo” ha detto il premier Matteo Renzi da Washington. “L’Italia non è più quella di una volta” ha aggiunto da Washington per “telefonate inopportune” ora “ci si dimette” ha detto Renzi.
Per quanto riguarda l’emendamento inserito nella legge di Stabilità,oggetto dell’inchiesta che ha portato alle dimissioni: la firma da parte del ministro Boschi è “atto dovuto”.

Il premier ha anche difeso il progetto Tempa Rossa che prevede l’estrazione del gas e del greggio con una capacità produttiva giornaliera di assoluto rilievo. Le previsioni stimano circa 50.000 barili di petrolio, 230.000 metri cubi di gas naturale, 240 tonnellate di GPL e 80 tonnellate. Per Renzi: “Crea lavoro”.

M5S – mozione di sfiducia a tutto il governo – Il Movimento 5 stelle presenterà una mozione di sfiducia a tutto il governo dopo la vicenda dell’inchiesta di Potenza con le dimissioni del ministro Federica Guidi.

Lo ha annunciato Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera e componente del direttorio M5S, che si rivolge anche alla minoranza del Pd: la mozione “votatela con noi”, “mandiamo a casa Renzi”. Questo è un governo “inadeguato”, che “fa le leggi e gli emendamenti per il compagno di un ministro”.

Il Leader della Lega, Matteo Salvini, si dice “Pronto a votare la mozione”,ma propone al M5S: scriviamola insieme.

Renzi replica: la mozione di sfiducia al governo? “Discuteremo in Parlamento”

“Andremo in Parlamento (…). E ancora una volta il Parlamento potrà mandarci a casa,se vorrà. Ma non credo succederà” aggiunge Renzi. “Il passo indietro di Guidi “ha gettato nel panico le varie opposizioni. Che a quel punto non sapendo cosa fare hanno iniziato a urlare(…) chiedendo le dimissioni del governo, responsabile non si sa bene di cosa”, scrive Renzi che annuncia: “Il Pd ha deciso di querelare in sede civile e penale Beppe Grillo”.

Poi: “Le mozioni di sfiducia delle opposizioni ormai sono settimanali o quindicinali”.

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *