Cattivo odore sotto le ascelle: scoperto meccanismo genetico che lo provoca

ascelle cattivo odore

Londra, 9 aprile 2015 – Il cattivo odore sotto le ascelle sarebbe provocato da alcuni geni che si sviluppano nella flora batterica della pelle, capaci di innescare un meccanismo molecolare che produce quel cattivo odore che tanto sa di marcio. La scoperta si deve ai ricercatori della Università di York, a Londra, che insieme ai loro colleghi della Unilever, che ha finanziato lo studio, hanno studiato il microbioma ascellare individuando il percorso dei geni che permettono al batterio Staphylococcus hominis di provocare una rottura delle molecole di sudore trasformandole in una sostanza, nota come thioalcohols, che è una componente importante del quel caratteristico cattivo odore del sudore della pelle, in particolare quello sotto le ascelle.

Gli scienziati, guidati da Daniel Bawdon, un biochimico microbico molecolare presso la York, e Gavin Thomas, in collaborazione con Gordon James e Diana Cox della Unilever, hanno studiato il gene che codifica per le proteine responsabili della produzione di thioalcohols. I risultati dello studio sono stati presentati nel corso della conferenza annuale della Società di Microbiologia Molecolare, a Birmingham.

[easy_ad_inject_1]I ricercatori hanno analizzato oltre 150 batteri isolati da campioni di pelle ascellare a cui hanno aggiunto una molecola inodore trovata nel sudore umano. Come spiega il dottor Dan Bawdon:

“Quelle molecole inodori escono dalle ascelle, interagiscono con il microbiota, e vengono ripartite all’interno dei batteri.”

Di tutti i batteri sotto l’ascella lo Staphylococcus hominis è quello tra i peggiori emanatori di cattivo odore, ma ci sono una varietà di altre specie di Staphylococcus che producono thioalcohols, anche se in misura minore. Il thioalcohols hanno un odore simile allo zolfo, alle cipolle o alla carne, quando viene secreto, è a dir poco nauseabondo.

Per confermare che questi geni erano necessari e sufficienti per la produzione di cattivo odore, il team li ha trasferiti nel batterio di Escherichia coli, che è stato in grado di produrre l’odore del corpo durante la sua coltivazione in laboratorio con molecole di sudore umano.

“Questo lavoro è significativamente avanzato per la comprensione dei processi biochimici specifici coinvolti nella produzione dell’odore del corpo. E ‘stato sorprendente scoprire che questo particolare percorso per la sua produzione è provocato solo da un piccolo numero di batteri residenti sotto le ascelle. Abbiamo aperto la strada alla possibilità di sviluppare prodotti specifici per inibire la formazione di cattivi odori, progettati per indirizzare le specifiche proteine che controllano il rilascio di cattivo odore”

ha detto il dottor Dan Bawdon, nel corso della presentazione.

“Questi dati stanno già avendo un impatto diretto sulla ricerca che viene fatta da Unilever. La comprensione dettagliata del processo molecolare che avviene ogni giorno sotto le nostre ascelle è completamente dipendente dai batteri, e questo è davvero emozionante. Anche se non abbiamo ancora capito completamente perché questi batteri sono lì e quello che stanno facendo”

ha dichiarato Gavin Thomas, microbiologo presso il Dipartimento di Biologia all’Università di York.

Ora, dunque, il team di ricercatori sta pensando allo sviluppo di un deodorante in grado di impedire ai batteri sotto le ascelle di produrre thioalcohols, ma prima di procedere devono assicurarsi che non ci siano altri meccanismi che possano innescare la produzione di cattivi odori corporei. Attualmente, i deodoranti in commercio possono impedire temporaneamente di produrre cattivi odori da sudorazione, mascherare l’odore con altre fragranze o eliminare alcuni batteri, e comunque, non in modo selettivo.
[easy_ad_inject_2]

Un pensiero riguardo “Cattivo odore sotto le ascelle: scoperto meccanismo genetico che lo provoca”

  1. Allume di roccia è sufficente per evitare questi batteri!Dura tantìssimo ed è econòmico!!! Per chè dobbiamo sempre dare da mangiare alle multinazionali??? C’è stato qualcuno che aveva già risolto il problema!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *