Cetraro (Cosenza). Fermato il cognato della donna uccisa mentre faceva jogging

Cetraro (Cosenza), 28 gennaio 2016 – C’è un fermato per l’uccisione di Anna Giordanelli, il medico di base di 53 anni uccisa ieri con un colpo inferto alla testa mentre faceva jogging a Cetraro, nel cosentino. Si tratta del cognato della vittima, che è stato fermato dopo un interrogatorio durato diverse ore, durante il quale avrebbe confessato l’omicidio.

La Procura di Paola e i carabinieri avevano individuato l’uomo come presunto omicida e lo avevano condotto in caserma per sottoporlo ad interrogatorio. Le indagini continuano a tutto campo per far luce sulla tragica vicenda che, secondo il procuratore Bruno Giordano “potrebbe essere più turpe di come appare”.

Trovata anche l’arma del delitto, un piede di porco con macchie di sangue e tracce di capelli che potrebbero appartenere ad Anna Giordanelli. Da una prima ispezione del corpo, secondo il medico legale, la morte sarebbe avvenuta in seguito ad un forte colpo alla testa inferto con un corpo contundente.

La dottoressa Giordanelli era molto conosciuta a Cetraro, era sposata con un geologo, dirigente del Comune di Cetraro, con il quale aveva avuto due figli.

“Anna Giordanelli era una persona molto conosciuta, nonché grande amica mia e della mia famiglia. Siamo frastornati. Era una delle donne più tranquille della città, amava la sua professione di medico, era una donna discreta che selezionava bene le sue amicizie”

ha detto il Sindaco di cetraro, Angelo Aita, all’Adnkronos.

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *