Christina Grimmie uccisa. Identificato il killer

E’ stato identificato dalla polizia il killer della cantante Christina Grimmie, 22 anni, uccisa a colpi di arma da fuoco dopo un concerto a Orlando.

Identificato il killer di Christina Grimmie – La polizia ha identificato l’autore dell’omicidio della cantante pop statunitense Christine Grimmie, uccisa a colpi d’arma da fuoco da un presunto fan mentre firmava autografi dopo un concerto a Orlando, Florida.
Si tratta di Kevin James Loibl, 27 anni, di San Petersburg, città a circa 100 km da Orlando. Secondo la polizia l’uomo non aveva precedenti. Si indaga ora sul movente nell’omicidio-suicidio.

Il dolore per la morte di Christina Grimmie. E’ questa la frase che ricorre nei social per Christina Grimmie, cantante USA emergente uccisa come John Lennon, che la sera dell’8 dicembre del 1980 venne colpito con arma da fuoco dal suo fan Mark Chapman di fronte al Dakota Building a New York. Uccisa all’inizio di una brillante carriera. Uccisa dopo aver terminato un concerto mentre dispensava sorrisi e autografi ai suoi tanti fans. Così è morta Christina Grimmie, star di Youtube e celebre concorrente del talent show “The Voice of USA”.

L’assassinio di Christina – Christina Grimmie, 22 anni, cantante giovane e già famosa grazie al grande successo ottenuto dalla partecipazione all’edizione USA di “The Voice” è stata barbaramente uccisa appena dopo il suo concerto mentre dispensava autografi ai suoi fans.

E’ accaduto alla presenza di almeno 60 persone, alle 22:45 ora locale, dopo che la brava Chris e la sua band pop/punk “Before You Exit” hanno tenuto un concerto al Plaza Live Theater di Orlando, in Florida.

Ad ucciderla, secondo quanto riferisce la polizia ai media locali, è stato un uomo, caucasico, che probabilmente si è avvicinato fingendosi un fan, e che da distanza ravvicinata ha estratto una delle due pistole in suo possesso e ha fatto fuoco centrando due volte la cantante che è morta dopo essere stata trasferita d’urgenza all’Orlando Regional Hospital per un disperato, e purtroppo vano tentativo da parte dei sanitari di salvarle la vita.

La polizia locale, per voce del suo capo John Mina comunica che il killer sarebbe arrivato da un’altra città, armato di due pistole, con l’intenzione di uccidere la cantante: “Sembra un omicidio commesso da un folle”, ha dichiarato aggiungendo che non risulta che il killer potesse conoscere personalmente la cantante e che potrebbe trattarsi di un fan squilibrato, anche se i motivi del gesto restano al momento oscuri. L’uomo è stato in seguito identificato come Kevin James Loibl, 27 anni, di San Petersburg.

La morte di Christina Grimmie è stata confermata dalla sua agenzia che attraverso una nota stampa ha fatto sapere che “E’ con il cuore colmo di dolore che confermiamo che Cristina è tornata alla casa del Padre. Chiediamo il rispetto della privacy della sua famiglia e dei suoi amici in questo momento di lutto”.

Al momento del delitto il fratello della cantante ha reagito cercando di bloccare e disarmare l’uomo che, però, sarebbe riuscito a divincolarsi e si è ucciso sparandosi. Tutte le altre persone presenti sono rimaste illese. Testimoni riferiscono di aver sentito quattro o cinque colpi di pistola.

La polizia per ora non sarebbe ancora riuscita ad identificare l’assassino ed è mistero sul movente del vile gesto. Wanda Miglio, portavoce della polizia, non ha chiarito come l’uomo fosse riuscito a introdurre armi da fuoco nella struttura. “Non sappiamo se fosse solo un ammiratore che la seguiva su Twitter o sulle reti sociali. Davvero non lo sappiamo”, ha precisato.

Sgomento tra i fans per una giovane star che aveva davanti una carriera meravigliosa. Come spesso accade, molti artisti diventano subito noti al grande pubblico grazie ai Talent Show come “The Voice of USA” dove Christina Grimmie si era qualificata terza e ora stava iniziando a raccogliere il suo successo incidendo un album e tenendo concerti negli Stati Uniti.

Appena qualche ora prima dello show, la cantante aveva pubblicato un video su suo suo account Twiitter attraverso il quale invitava i fans al concerto di Orlando. Christina non sapeva che quella era la sua ultima apparizione sui social e sulle scene. Non sapeva che un folle stava per mettere fine alla sua brillante carriera.

Nata a Marlton, in New Jersey, Cristina Grimmie era molto amata ed era da tempo diventata tra le artiste più cliccate su Youtube (ben 24 milioni di visite) dopo che si era fatta conoscere con la sua personalissima cover della canzone di Miley Cyrus “Party in the USA”, interpretazione che le ha fatto guadagnare il secondo posto nella al concorso MyYoutube, alle spalle di Selena Gomez, e davanti a Rihanna, Nicki Minaj e Justin Bieber.

Il suo riferimento era Christina Aguilera della quale diceva: “E’ stata la prima e unica, sin da bambina. Ho imparato cantando le sue canzoni, devo dire solo grazie a lei se adesso so cantare”.

Nel suo curriculum Chris Grimmie aveva collezionato un concerto di beneficenza UNICEF, ed aveva anche fatto la seconda voce per Selena Gomez & The Scene. Aveva inoltre preso parte al primo Digitour, nel 2011, progettato appositamente per gli artisti di YouTube e nello stesso anno era apparsa nelle classifiche Billboard.

Il 14 giugno 2011 era stato pubblicato il suo primo Ep, intitolato Find Me. Nel gennaio del 2012 aveva annunciato ai fan su Facebook e Twitter di essersi trasferita a Los Angeles per proseguire la carriera di cantante e il 6 agosto 2013 era stato pubblicato il secondo album With Love.

Nel 2014 la fortunata partecipazione a The Voice of USA con i giudici Adam Levine (suo coach), Shakira, Usher e Blake Shelton piazzandosi terza dopo Josh Kaufman e
Jake Worthington.

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *