Compravendita senatori. Silvio Berlusconi condannato a 3 anni: “Accusa assurda e risibile”

Napoli, 9 luglio 2015 – Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia ed ex presidente del Consiglio e Valter Lavitola, faccendiere ed ex direttore dell'”Avanti”, sono stati condannati per corruzione a tre anni dal Tribunale di Napoli al termine del processo di primo grado per la “compravendita dei senatori”.

[easy_ad_inject_1]I giudici hanno sentenziato la condanna per aver corrotto un senatore della Repubblica, Sergio De Gregorio. Per Berlusconi è stata prevista anche la pena accessoria di cinque anni di interdizione dai pubblici uffici.

Si tratta di due condanne inferiori rispetto alle richieste dei pm napoletani Vincenzo Piscitelli e Henry John Woodcock, che pochi giorni fa, alla fine della loro requisitoria, avevano chiesto cinque anni di carcere per il Cavaliere e 4 anni e quattro mesi per Lavitola.

Niccolò Ghedini, legale di Berlusconi, ha già annunciato che Berlusconi ricorrerà in appello.

Silvio Berlusconi ha commentato così la condanna: “Assurda sentenza politica al termine di un processo solo politico costruito su un teorema accusatorio risibile. Resto sereno di aver sempre agito nell’interesse del mio Paese e nel rispetto delle regole e delle leggi, così come continuerò a fare”.

Berlusconi parla, inoltre, di “persecuzione giudiziaria” per ledere la sua “immagine di protagonista della politica”.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *