Curare l’anemia con Lucky Iron Fish: un pesciolino per aumentare l’apporto di ferro

Ottawa (Canada), 20 maggio 2015 – L’hanno definito l’innovazione che cambierà il mondo. Cosa? Un piccolo pesciolino portafortuna di ferro, Lucky Iron Fish, che promette di diventare presto la cura per l’anemia, aiutando tutti coloro che hanno una carenza di ferro. Questo pesce di ferro portafortuna sarebbe, infatti, in grado di soddisfare il 75% del fabbisogno di ferro giornaliero e per gli anemici sarebbe la soluzione ideale.

L’inventore di questo piccolo oggetto di metallo, lo scienziato canadese Christopher Charles, ha avuto l’ispirazione durante un viaggio in Cambogia circa sei anni fa, quando ha scoperto che l’anemia rappresentava un problema di salute pubblica nel paese.

[easy_ad_inject_1]In particolare, nei villaggi della provincia di Kandal, invece di vedere bambini vivaci, il dottor Charles ha osservato che molti di loro erano piccoli e deboli, con un lento sviluppo mentale; le donne erano affette da stanchezza e mal di testa, e soprattutto affrontavano gravi complicazioni di salute prima e dopo il parto, come emorragie.

L’anemia colpisce due miliardi di persone, circa un terzo della popolazione mondiale, e di solito è causato da una cattiva alimentazione carente di ferro. E’ spesso associata a sensazione di stanchezza e spossatezza, ma può avere effetti ben più gravi sulla salute. Si calcola che in Cambogia circa il 50% della popolazione, specie donne e bambini, sia affetta da questa patologia.

Da allora in poi, l’ossessione del ferro ha invaso la mente dello scienziato canadese alla ricerca di una possibile soluzione ai problemi legati all’anemia e a come aumentare l’apporto di ferro nella dieta giornaliera. Ciò di cui queste persone avevano bisogno era una sana dose di ferro nella loro dieta, ma la soluzione tradizionale che prevede la somministrazione giornaliera di compresse di ferro risultava spesso troppo costoso, troppo difficile da mettere in pratica o semplicemente non c’era disponibilità di farmaci. Fu allora che Charles ebbe l’idea vincente.

Lo scienziato canadese ispirato da una precedente ricerca che aveva dimostrato che la cottura in pentole di ferro, molto utilizzate nel paese, aumentava il contenuto in ferro degli alimenti, ha pensato di mettere un pezzo di ferro nella pentola di cottura.

Questo piccolo oggetto, che ha la forma di un pesce (scelta perché nella cultura cambogiana è un simbolo portafortuna) è stato progettato per liberare il ferro alla giusta concentrazione al fine di fornire i nutrienti necessari di cui tante donne e bambini del paese sono carenti.
La ricetta è semplice.

“Far bollire l’acqua o la zuppa con il pesciolino di ferro (dopo averlo lavato bene) per almeno 10 minuti. Questo aumenta il ferro, che cola attraverso il Lucky Iron Fish. È quindi possibile toglierlo dalla pentola. Ora aggiungete un po’ di succo di limone o di altri succhi di agrumi, importanti per l’assimilazione del ferro. Aggiungere gli ingredienti al piatto e godetevi il vostro pasto ricco di ferro”

spiega Christopher Charles.

Ora, circa 2.500 famiglie in Cambogia stanno usando il Lucky Iron Fish, e la società di Christopher ha distribuito gratuitamente quasi 9mila pezzi di metallo agli ospedali e alle organizzazioni non governative del paese.

“Dopo soli 9 mesi di utilizzo del fortunato pesciolino di ferro tutti i giorni, abbiamo visto una diminuzione del 50% nell’incidenza di anemia da carenza di ferro, e un aumento dei livelli di ferro dei pazienti. E la gente sente la differenza. Ecco perché Lucky Iron Fish è diventato parte integrante della loro vita quotidiana”

afferma soddisfatto il suo inventore.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *