Ddl intercettazioni. Ministro Orlando: “Si va nella direzione auspicata”

Roma, 28 luglio 2015 – Il ministro della Giustizia Andrea Orlando torna sul tema del ddl intercettazione in discussione in Parlamento e dell’emedamento tanto discusso presentato dal deputato Alessandro Pagano (Ncd-Udc) che prevede il rischio di carcere fino a 4 anni contro le intercettazioni “carpite in modo fraudolento con registrazioni o riprese”

[easy_ad_inject_1]”Credo che anche la rapidità con la quale si è ritenuto di dover riscrivere la norma prova che non c’era alcuna intenzione, da parte della maggioranza e dei gruppi della maggioranza, di colpire la stampa” – ha dichiarato Orlando a margine di un appuntamento all’Expo di Milano- “Mi sembra che si stia andando nella direzione che avevamo auspicato, cercando di spiegare meglio i caratteri dell’attività fraudolenta e quindi anche quali sono i soggetti titolati a esercitare in qualche modo quella funzione”.

Secondo Orlando “quello e un ritocco della pena possono dare una risposta compiuta a una polemica, forse eccessiva, e che comunque merita attenzione”.

Intanto alla Camera è stato depositato un nuovo emendamento Pd, a firma Verini ed Ermini, che dovrebbe far più chiarezza e prevede “che costituisca delitto, punibile con la reclusione non superiore a quattro anni, la diffusione al solo fine di recare danno alla reputazione o all’immagine altrui, di riprese audiovisive o registrazioni di conversazioni, anche telefoniche, svolte in sua presenza ed effettuate fraudolentemente. La punibilità è esclusa quando le registrazioni o le riprese sono utilizzabili nell’ambito di un procedimento amministrativo o giudiziario o per l’esercizio del diritto di difesa o del diritto di cronaca”.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *