Diabete. Creato il cerotto intelligente che rilascia insulina se aumenta la glicemia nel sangue

Chapel Hill, North Carolina (USA), 24 giugno 2015 – Le persone affette da diabete, ed in particolare i bambini che tanto odiano le siringhe, tra qualche anno potrebbero dire per sempre addio alle iniezioni di insulina. E’ stato, infatti, ideato il cerotto “intelligente” che rilascia la quantità di insulina necessaria al diabetico quando rileva un aumento del livello di glucosio nel sangue. Lo speciale cerotto per i diabetici, creato dai ricercatori della University of North Carolina e North Carolina State, negli Stati Uniti, ha la forma di un quadrato molto sottile, fatto di silicio, alla cui base sono posti più di cento microscopici aghi, ciascuno delle dimensioni di una piccola ciglia.

[easy_ad_inject_1]I ricercatori hanno realizzato, nel cerotto, delle microscopiche vescicole sintetiche con due sostanze, acido ialuronico (utilizzato in molti cosmetici) e nitroimidazolo (un composto organico usato in medicina), che sono state riempite di insulina e un enzima sensibile al glucosio. Quando i livelli di zucchero nel sangue diventano troppo elevati, i microaghi del cerotto rilasciano la quantità di insulina che occorre per riportare i valori nella norma.

“Abbiamo progettato una patch per il diabete che funziona in modo veloce, è facile da usare ed è fatto con materiali non tossici, bensì biocompatibili”

ha detto Zhen Gu professore di ingegneria biomedica presso la University of North Carolina, autore principale dello studio.

Il cerotto per i diabetici testato, per il momento, solo sui topi, può essere programmato per rilevare automaticamente la quantità di glucosio nel sangue e se i livelli di zucchero diventano troppo alti fornisce direttamente la dose di insulina necessaria tramite i microaghi.

“Si tratta di un sistema a circuito chiuso. Il cerotto rileva i livelli di glucosio e fornisce automaticamente l’insulina, eliminando così la possibilità di errori umani nella gestione del diabete”

spiegano i ricercatori.

“A volte, somministrare una dose eccessiva di insulina, può causare eventi di ipoglicemia, in alcuni casi anche mortali. Per evitare queste situazioni abbiamo cercato di sviluppare un sistema basato su ciclo chiuso in grado di mimare la funzione del pancreas, che è l’organo che rilascia l’insulina”

ha spiegato Zhen Gu.

L’intero sistema,  precisa l’autore dello studio, può essere personalizzato a seconda del peso di un diabetico e la sua sensibilità all’insulina e quindi si è potuto rendere il cerotto intelligente ancora più intelligente.

Testato su topi con diabete di tipo 1, i ricercatori hanno scoperto che il cerotto intelligente si è dimostrato molto più efficace delle iniezioni di insulina nel tenere i valori glicemici del sangue sotto controllo per diverse ore.

“Penso che il primo cerotto intelligente potrebbe essere commercializzato fra due o tre anni. Se perfezione e approvato per l’uso umano, potenzialmente potrebbe aiutare milioni di pazienti affetti da diabete di tipo 1 e di tipo 2 in tutto il mondo. Iniziare la sperimentazione sull’uomo sarà di certo un punto di svolta”

ha detto il dottor John Bernard Buse, co-autore dello studio, ex presidente della American Diabetes Association.

L’obiettivo dei ricercatori è realizzare un cerotto per diabetici che i pazienti dovranno cambiare, di norma, ogni due giorni.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Pnas, Proceedings of the National Academy of Sciences.

[easy_ad_inject_2]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *