You are here
Home > Spettacoli > Dustin Hoffman: “il cinema ha toccato il fondo, meglio la televisione”

Dustin Hoffman: “il cinema ha toccato il fondo, meglio la televisione”

Fallback Image

Los Angeles (USA), 9 luglio 2015 – Dustin Hoffman, attore, regista e produttore cinematografico statunitense, che ha trascorso gli ultimi 50 anni della sua vita nel cinema, oggi, il doppio premio Oscar come migliore attore nel film Rain Man e Kramer contro Kramer, alla tenera età di 77 anni inizia a riflettere proprio su quel cinema che lo ha fatto diventare una stella di Hollywood.

[easy_ad_inject_1]In una recente intervista rilasciata all’Independent, un Dustin Hoffman molto rammaricato ha dichiarato che, in questo momento storico, la televisione sta meglio di quanto non sia mai stata e che la cosa peggiore sia invece il cinema, che ormai ha toccato il fondo, secondo l’attore.

“Il grande schermo sta vivendo il suo momento peggiore in assoluto, o almeno dei 50 anni di cui ne faccio parte. A Hollywood non è importante essere bravi, ma fare soldi”

ha dichiarato Dustin Hoffman.

La televisione sarebbe, invece, nel suo momento migliore in quanto, spiega l’attore, ha raggiunto una qualità narrativa e registica di altissimo livello.

Secondo Hoffman il motivo del declino della qualità del cinema deriva dal fatto che i film sono ora si producono ad un ritmo più veloce di quanto non si facesse nel passato, come quando ha recitato nel film di Mike Nichols nel 1967 “Il Laureato”. La causa starebbe tutta, secondo l’attore, nel recente avvento della tecnologia digitale nel mondo del cinema, che oggi permette a chiunque di fare un film, basta che sia in possesso di una macchina fotografica.

“E’ difficile credere che si può fare un buon lavoro con pochi soldi soldi oggi. Abbiamo fatto Il laureato e il film sostiene ancora la concorrenza, aveva un copione meraviglioso, un regista eccezionale, con un cast e una troupe d’eccezione, ma era un piccolo film, quattro mura e gli attori, tutto qui, eppure ci sono voluti 100 giorni di riprese. Oggi i film si fanno i 30 giorni e con budget molto bassi”

spiega Dustin Hoffman.

Il debutto alla regia di Hoffman risale a soli tre anni fa con il modesto successo ottenuto dal film “Quartet”, una commedia dolce-amara di un gruppo di musicisti in pensione interpretato da Billy Connolly e Maggie Smith. La trasposizione cinematografica di una pièce teatrale di Ronald Harwood, qui anche sceneggiatore.

[easy_ad_inject_2]

Similar Articles

Lascia un commento


Top