Elezioni Bologna. Mario Turrini posta foto con “lato b” per campagna elettorale

La campagna elettorale a Bologna si fa incandescente e in queste ore fa discutere il post di Mario Turrini della lista “Uniti si vince” che ha pubblicato un formoso “lato b” per far porre attenzione al suo nome.

Il buon gusto non appartiene certo a tutti e nella Diana Elettorale tutti i mezzi sembrano essere leciti per attirare attenzione e soprattutto voti. In giro si vedono manifesti di tutti i tipi, con fotografie molto spesso infelici fatte al risparmio.

Ma in quel di Bologna, un candidato ha pensato bene di non metterci la sua faccia ma un ben altro “viso” con due guance molto abbondanti: in sostanza un lato B di una modella formosa e con le curve ben dosate.

Il candidato in questione è Mario Turrini della lista “Uniti si vince” che appoggia la candidato leghista Lucia Borgonzoni (una donna?) che ha pubblicato la foto di un fondoschiena femminile per attirare lʼattenzione sulla sua candidatura. Accanto all’immagine, il testo: “La foto è servita per attirare la tua attenzione, altrimenti non l’avresti mai letto”.

Idea senz’altro vincente per l’effetto di risonanza che ha provocato. La pubblicità da tempo ci propina sederi in tutte le salse per vendere qualsiasi cosa. E allora perché non usare lo stesso sistema per vendere anche un candidato. Così più o meno la pensa anche Lorenzo Tomassini, consigliere comunale di “Uniti si vince”, “Si tratta di un post che può essere giudicato di cattivo gusto, ma da qui a farne un caso ne passa, quando su Internet e sui giornali si trova di tutto”.

In difesa del post anche Michele Facci che accusa il sindaco Merola di non aver mantenuto le promesse sul contrasto alla prostituzione che doveva partire da Borgo Panigale: “Lì le chiappe che tanto scandalizzano la sinistra le potete vedere bene in mostra a tutte le ore. Siete solo degli ipocriti”.

La sinistra ovviamente insorge parlando di cattivo gusto ed evidentemente ha incassato il colpo basso di comunicazione e marketing del Turrini. Le donne di Coalizione Civica – la lista di SEL e Civati – parlano senza mezzi termini di “manifesto”, sessista e di cattivo gusto. Emily Clancy di Coalizione Civica parla di una “immagine di nudo per attirare l’attenzione e per distoglierla da un’inesistente idea di città e dall’assenza di contenuti”. La presidente del Consiglio comunale del Pd, Simona Lembi, sottolinea come per qualcuno le donne siano ancora dei “soprammobili”.

E Turrini? Cosa dice Turrini, nome salito alla ribalta nazionale e che non fosse stato per questa mossa nessuno ne avrebbe sentito parlare se non dalle parti del capoluogo emiliano?

Dopo anni di olgettine e festini in politica non sembra poi essere tanto scandaloso che si usi un sedere femminile e questo è il vero dramma di tutta la faccenda. E lo stesso Turrini si dice dispiaciuto.

“Sono davvero dispiaciuto, e in imbarazzo” – ha dichiarato Turrini al Resto del Carlino e spiega che la foto hot già girava nel 2011 in occasione del Referendum sull’acqua: si sarebbe dunque limitato a cambiare la scritta, che anni fa recitava “Il governo sta privatizzando l’acqua. Ora lo sai, informati”. “Non ho pensato che pubblicare quella foto su Facebook potesse diventare una cosa pubblica, almeno non così. Sono stato ingenuo. Mi sono preso una bella sgridata dalla Borgonzoni” – ha proseguito.

Comunque visto che troviamo anche noi di dubbio gusto la foto, abbiamo deciso di coprire il prosperoso sedere. Per chi vuole invece vederlo in versione integrale può visitare il profilo facebook di Mario Turrini dove è ancora pubblicata il post oggetto di discussione.

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *