Emergenza immigrazione. Onu all’Ue: sistemare 200mila rifugiati

[easy_ad_inject_1]Ginevra, 4 settembre 2015 – L’Organizzazione delle Nazioni Unite ha chiesto ufficialmente all’Unione Europea di trovare una sistemazione per almeno 200.000 rifugiati provenienti da Asia e Africa.

Lo ha chiesto l’Alto commissario per i rifugiati (UNHCR), Antonio Guterres, riferendosi a coloro che godono di un “titolo valido per la protezione” parlando di un “programma di dislocamento di massa”: “chi ha realmente diritto allo statuto di rifugiato deve poter beneficiare di un programma serio di sistemazione nei singoli paesi per evitare il disordine attuale.”

Secondo l’UNHCR da gennaio oltre 300’000 persone sono giunte in Europa attraversando il Mediterraneo e 2’600 sono morte. “Il solo modo per affrontare la crisi è di attuare una strategia comune basata sulla solidarietà e la responsabilità” ha detto Guterres.

“La situazione di grande afflusso, come non avveniva da decenni, esige uno sforzo comune massiccio da parte di tutti i paesi. Un approccio frammentato in cui ogni Stato decide per se non è sostenibile”.

Intanto c’è attesa per il vertice di Lussemburgo venerdì e sabato tra i ministri degli esteri dell’Unione Europea sulla crisi dei profughi.
[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Un pensiero riguardo “Emergenza immigrazione. Onu all’Ue: sistemare 200mila rifugiati”

  1. Vicino alla Siria ci sono tanti Stati islamici pieni di quattrini che si guardano bene dal portarsi in casa loro i confratelli musulmani. Mi sembra di ricordare che l’islam dovrebbe essere una religione di pace e fratellanza.
    Se li prendano loro in casa invece di spedirli a casa nostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *