Esproprio automatico degli immobili. Raccolta firme perché il Parlamento non voti la norma UE

Roma, 26 febbraio 2016 – E’ in corso una raccolta di firme in tutta Italia da consegnare ai Presidenti di Camera e Senato “affinché dall’aula delle nostre istituzioni ci si opponga all’approvazione di questa norma che tende ad espropriare gli immobili degli italiani. Certamente facciamo appello al mondo dell’economia, della cultura, dei consumatori e dello spettacolo perché ci diano sostegno, in questa battaglia di civiltà in favore del popolo italiano”.

E’ quanto fa sapere con una nota la Confedercontribuenti attraverso il suo presidente Carmelo Finocchiaro sul recepimento della direttiva europea che “avrà un effetto devastante per coloro che contraggono un mutuo ipotecario. Un atto che favorisce unilateralmente le banche, consentendo la vendita degli immobili dei clienti in difficoltà economiche, in deroga a tutte le attuali norme del codice civile.”

“Per accelerare al massimo il recupero dei crediti inesigibili da parte degli istituti di credito – spiega la Confedercontribuenti – il governo ha previsto la cancellazione dell’articolo 2744 del codice civile, che vieta il cosiddetto “patto commissorio” ossia che in caso di inadempimento del credito il bene dato in pegno non può passare nella disponibilità o proprietà del creditore, senza che vi sia una pronuncia della magistratura. Tant’è vero che, quando un mutuatario non rispetta per 7 volte la scadenza delle rate, come stabilito dal testo unico bancario, la banca che eroga il mutuo si deve rivolgere al Tribunale per avviare la procedura esecutiva: la casa viene messa all’asta e l’eventuale eccedenza, una volta venduta, è retrocessa al debitore. Se passa la direttiva comunitaria, non sarà più così.”

“Il provvedimento dell’esecutivo punta ad agevolare in ogni modo le vendite forzose degli immobili da parte degli istituti di credito nel caso in cui il cliente sia in ritardo con 7 rate del mutuo. Questa operazione rappresenta l’ennesima mazzata ai danni dei contribuenti” dice ancora Finocchiaro.

Una norma che non tiene conto del ricorrente uso da parte delle banche di clausole vessatorie e dell’applicazione di tassi usurai e di vizi contrattuali che non garantiscono il cliente, parte debole nel rapporto contrattuale.

“Con questa operazione il governo si accinge dunque a togliere ai consumatori e alle famiglie le poche tutele che ad oggi esistono, cancellando il divieto del patto commissorio e dando anche la possibilità alle banche di vendere gli immobili a qualsiasi prezzo pur di recuperare i propri crediti senza passare dal Tribunale.” – continua Finocchiaro.

“È evidente che il risultato di simili norme rischia di essere drammatico per migliaia di famiglie che da un giorno all’altro si ritroverebbero sul marciapiede, con le loro case vendute ‘al meglio’”

“Non è finita – continua Finocchiaro – al danno si aggiunge pure la beffa, perché alle banche e agli speculatori è assicurata anche la defiscalizzazione pressoché totale degli importi incassati dalle vendite forzose degli immobili”.

Per firmare online la petizione, basta collegarsi al sito www.confedercontribuenti.it o nel Social Network facebook, nella pagina Confedercontribuenti.

Nei prossimi giorni, verranno fatti alcuni banchetti nelle principali città italiane, per firmare la petizione e anche nei pressi dei locali notturni.

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *