Fabrizio Corona in comunità Exodus. Don Mazzi: “lavora ed è meno cafone”

Milano, 19 luglio 2015 – Fabrizio Corona continua la sua esperienza di riabilitazione ormai da un mese presso la comunità Exodus di Don Mazzi che, ospite all’Assemblea nazionale del Pd tenutasi a Expo ha rivelato aspetti della vita quotidiana dell’ex paparazzo.

[easy_ad_inject_1] “Corona, è migliorato, è meno cafone, lavora e con me è rispettoso e questo è già importante”. “Lavora, pulisce i gabinetti, si fa la camera. Ciò non vuol dire che sia cambiato ma accettato un’autorità”.

“Io ho rischiato, sul mio tavolo ho montagne di mail che mi mandano in Paradiso da San Pietro e San Paolo e dalla parte di qua ho quelle di chi mi vorrebbero mandare all’inferno”… ” ha aggiunto Don Mazzi.

Non tutti sono d’accordo sulla riabilitazione di Fabrizio Corona presso la comunità di Don Mazzi. Tra i commenti che si possono leggere su Repubblica ci sono quelli critici che recitano per esempio: “La riabilitazione, gentile don Mazzi, non è questa. Troppo comodo: meno cafone, lavora, fa da mangiare, pulisce la stanza, ecc.; tutte queste attività potevano essere fatte anche e soprattutto in galera, le condanne vanno eseguite…Bell’esempio per i nostri figli e nipoti: “tanto si può andare da don Mazzi per scontare la pena”. Non è così che si fa la storia, la galera è il luogo dopo si sconta la pena stabilita dai giudici IN NOME del POPOLO ITALIANO. Lo rimandi da dove è arrivato egregio sacerdote.”

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *