Fabrizio Corona lascia il carcere di Opera per motivi di salute. Affidato alla comunità di Don Mazzi

Milano, 19 giugno 2015 – Fabrizio Corona ieri pomeriggio ha lasciato il carcere di Opera per motivi di salute ed è stato trasferito presso la comunità Exodus di don Antonio Mazzi, alla quale è stato affidato temporaneamente in prova dal giudice del Tribunale di Sorveglianza di Milano. Già da tempo, i legali e la famiglia del re dei paparazzi, denunciavano il critico stato di salute in cui si trovava Corona da quando aveva iniziato a scontare la sua pena in carcere.

[easy_ad_inject_1]Oggi, dopo oltre tre anni di detenzione gli è stata sospesa l’esecuzione della pena a 13 anni di reclusione, per motivi di salute. Fabrizio Corona soffriva ormai da tempo di attacchi di panico, ansia, depressione e psicosi. E finalmente è arrivato il sì del Tribunale di Sorveglianza del capoluogo lombardo all’istanza di affidamento terapeutico avanzata dai suoi legali, che avevano sottolineato la criticità delle sue condizioni di salute dovuta a seri problemi psicologici e psichiatrici.

“Sono felice e giuro che in carcere non ci tornerò mai più”

queste le prime parole di Corona riferite al suo legale all’uscita dal carcere.

Nella comunità di Don Mazzi, Fabrizio Corona dovrà seguire un rigido programma di recupero secondo le prescrizioni stabilite dal giudice di Sorveglianza.

[easy_ad_inject_2]

2 pensieri riguardo “Fabrizio Corona lascia il carcere di Opera per motivi di salute. Affidato alla comunità di Don Mazzi”

  1. questo soggetto ora è pecorella perché è sotto pressione dallo stato di cose da lui stesso provocato vedrete appena appena si rimette in sesto farà cose peggiori di prima speriamo solo che le farà ai suoi stessi benefattori (avvocati ,, assist. soc. psicologi,,san giudice,,,, ed chi l hà accolto in seno sigh. a nostre spese )

  2. Ma quando i giudici faranno veramente gli interessi del popolo Italiano? Deve testare in carcere ed essere comunque curato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *