Federalberghi: 30 milioni di Italiani in vacanza: +8,6%. Dove vanno in vacanza gli italiani?

Milano, 5 agosto 2015 – Buone notizie arrivano sul fronte dell’accoglienza delle strutture alberghiere secondo gli ultimi dati diffusi da Federalberghi, secondo i quali il numero degli Italiani che hanno fatto una vacanza o sono in procinto di farla sarebbero ben 30,4 milioni, il 50% della popolazione, con un tasso di crescita rispetto al 2014 del 8,6%.

[easy_ad_inject_1]Nell’81% dei casi, cioè quasi 25 milioni di italiani, rileva Federalberghi, hanno scelto un luogo di vacanza in Italia, mentre oltre 5 milioni di nostri concittadini (il 19%), hanno scelto una meta all’estero.

Il giro d’affari è di 18,3 miliardi rispetto ai 17 del 2014 con una crescita del +7,7%. I luoghi più gettonati per le vacanze estive restano i mari del Sud Italia, ed il mese che registra le maggiori partenze è agosto.

Per chi sceglie mete all’estero, il 43% ha preferito le grandi capitali europee, seguite dai mari tropicali/località esotiche che salgono al 17,7% dal 15,2% del 2014.

La spesa per la vacanza estiva comprensive di viaggio, vitto, alloggio e divertimenti è di 786 Euro (rispetto ai 790 Euro del 2014).

“Dopo le notizie dei giorni scorsi che hanno enfatizzato dati drammatici sulla irrisoria crescita del Mezzogiorno d’Italia, vedere che il 48% degli italiani stia scegliendo per la proprie ferie estive soprattutto le Regioni del Sud, quale punto nevralgico del riscatto di un’intera area geografica, ci rafforza nel convincimento che il nostro Paese ha ancora tante doti turistiche da valorizzare per una crescita economica ed occupazionale che vanno incentivate per diventare il volano della ripresa”

commenta il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, alla lettura di un’indagine sui consumi turistici estivi degli italiani che riguarda tutti i tipi di vacanza, non solo quella in albergo.

“Ma come avvenuto anche in altre circostanze -enfatizza Bocca- non vogliamo illuderci o crogiolarci sugli allori. L’Italia ha bisogno di investimenti cospicui nel settore e di un piano robusto di ristrutturazioni e di promozione. “Passaggi indispensabili -conclude Bocca- per consentire al sistema turistico nazionale di fare in modo che i timidi segnali positivi diventino un consolidato e strutturato aggregato economico, capace di farci rapidamente risalire la classifica mondiale dei Paesi a maggior vocazione turistica”.

.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *