You are here
Home > Economia > Fincantieri. Carabinieri sequestrano area di Monfalcone. A rischio 5 mila posti di lavoro

Fincantieri. Carabinieri sequestrano area di Monfalcone. A rischio 5 mila posti di lavoro

Fallback Image

Udine, 1 luglio 2015 – I carabinieri del NOE di Udine, il nucleo operativo ecologico, in esecuzione di un provvedimento del tribunale di Gorizia, ha proceduto al sequestro preventivo di aree del cantiere di Monfalcone della Fincantieri, strategiche per la produzione soprattutto di navi da crociera.

[easy_ad_inject_1]In particolare i carabinieri avrebbero apposto i sigilli all’area adibita a selezione e cernita dei rifiuti derivanti dagli scarti di lavorazione delle navi passeggeri, e ad altre tre aree destinate alle operazioni di stoccaggio dei materiali, compreso il reparto sabbiature. Aree tanto estese al punto di pregiudicare il regolare processo produttivo.

Fincantieri fa sapere in una nota che è stata sospesa l’attività produttiva dell’intero cantiere di Monfalcone. “La richiesta di sequestro si inserisce nell’ambito di un’indagine avviata nel maggio del 2013, ed era stata già respinta dal GIP presso il Tribunale di Gorizia, nonché da quest’ultimo Tribunale in sede di appello. A seguito dell’accoglimento del successivo ricorso per Cassazione presentato dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Gorizia, il Tribunale isontino è stato nuovamente investito della questione e questa volta ha disposto la misura cautelare.
Fincantieri, ferma restando l’intenzione di assumere con urgenza tutte le opportune iniziative in sede giudiziaria al fine di ottenere la revoca di detta misura, che considera particolarmente gravosa anche in ragione dei danni che il permanere degli effetti della stessa potrebbe provocare, è costretta, in ottemperanza al predetto provvedimento del Tribunale, a disporre a far data da oggi la sospensione dell’attività lavorativa di tutto il personale coinvolto nel ciclo produttivo del cantiere di Monfalcone. ” si legge nella nota.

Ripercussioni anche per i lavoratori: sono 5mila gli operai costretti a rimanere a casa dopo il sequestro delle aree nello stabilimento Fincantieri di Panzano, a Monfalcone.

Coinvolti nell’indagine, l’ex direttore dello stabilimento Fincantieri di Monfalcone, Carlo De Marco e i titolari di 6 aziende che lavorano all’interno del cantiere.

Gli inquirenti contestano loro il reato di attività di gestione dei rifiuti non autorizzata.

Fincantieri è uno dei più importanti complessi cantieristici navali d’Europa e del mondo.

[easy_ad_inject_2]
Vincent Dimaggio
Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it
http://www.notiziefree.it

Similar Articles

Lascia un commento


Top