Fratelli d’Italia: volto di transgender suicida per campagna antigender nelle scuole

Roma, 18 settembre 2015 – E’ dura polemica per la campagna di informazione antigender lanciata dalla sezione di Fratelli d’Italia di Trento, effettuata tramite volantini distribuiti nelle scuole sui quali c’è scritto “Accettarsi … lo stanno facendo insegnare nel modo sbagliato” e in basso “No all’educazione gender nelle scuole”.

[easy_ad_inject_1] La distribuzione del volantino (si legge sul sito di Fratelli d’Italia) è stata effettuata in occasione dell’inizio dell’anno scolastico a Rovereto (Scuole Filzi e Degasperi), Trento (Scuole Pigarelli, Domenico Savio) e Levico Terme. Contemporaneamente è stata prevista una serie di incontri per illustrare cos’è (o cosa non è) il gender e quali siano i mezzi di difesa della Famiglia.

“A queste iniziative viene affiancata una campagna di manifesti pubblicitari, già esposti in tutta la Vallagarina ed Alto Garda e che la prossima settimana arriveranno anche nel comune capoluogo.” si legge.

Come immagine, sul volantino viene mostrata una ragazza con il trucco sfatto, volto che non è passato inosservato: si tratta dell’immagine di Leelah Alcorn, 17 enne transgender che si è uccisa a gennaio negli Stati Uniti perché i genitori non la accettavano e le imponevano una terapia riparativa.

Rose Morelli, autore della foto, potrebbe procedere per vie legali contro l’organizzazione politica per l’utilizzo di quella immagine. La Morelli, si legge in fonti di agenzia, aveva realizzato quello scatto proprio per sostenere il benessere delle persone transgender e dell’intera comunità lgbt e non certo una campagna antigender.
[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l’autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore..
Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *