Gigi D’Alessio. Procura di Roma chiede processo per rapina

Gigi D'Alessio

Roma, 12 aprile 2015 – Il procuratore aggiunto di Roma Franco Ionta e il pubblico ministero Pietro Pollidori hanno riformulato l’accusa per Gigi D’Alessio al quale si contesta il reato di rapina.

Il nuovo capo d’imputazione fa riferimento alla vicenda dell’11 gennaio del 2007 quando il celebre cantante napoletano aggredì alcuni fotografi appostati fuori dalla sua abitazione all‘Olgiata avanzando come ragione la violazione della privacy sua e della sua famiglia.

[easy_ad_inject_1]Durante l’episodio Gigi D’Alessio e Antonio De Maria suo assistente avrebbero sottratto ai paparazzi i rullini contenenti gli scatti contestati.

I fotografi denunciarono il cantautore e il suo guardiaspalle e il processo in primo grado si concluse con la condanna di Gigi D’Alessio e di Antonio De Maria per esercizio abusivo delle proprie ragioni. Nella richiesta d’Appello i giudici hanno rinviato gli atti alla procura chiedendo di riformulare le accuse e nelle scorse ore è arrivata la notizia della riformulazione dell’accusa in rapina.

Il reato di rapina. Nel diritto penale italiano la rapina è il delitto previsto dall’art. 628 c.p. ed è punito con la reclusione da tre a dieci anni e con la multa da cinquecentosedici euro a duemilasessantacinque euro.

Gigi D’Alessio, al secolo Luigi D’Alessio è un cantautore italiano di successo. Nel corso della sua carriera ha venduto oltre 20 milioni di dischi, conquistando 1 disco di diamante e più di 100 dischi di platino, oltre numerosi premi tra cui il riconoscimento del miglior album NIAF.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *