You are here
Home > Salute > L’illusione del senso del gusto: vista e udito cambiano il sapore del cibo

L’illusione del senso del gusto: vista e udito cambiano il sapore del cibo

Fallback Image

Oxford (Regno Unito), 3 novembre 2015 – Occhi e orecchie, vista e udito, sono in grado di influenzare il senso del gusto del cibo che ingeriamo. Non solo dunque l’olfatto ma anche la consistenza e il colore del cibo può darci l’illusione di un gusto “diverso”. E’ quanto emerge dalle ultime ricerche svolte dal professor Charles Spence, psicologo dell’università di Oxford e direttore del Crossmodal Research Lab, nel Regno Unito.

[easy_ad_inject_1]In un articolo pubblicato sul New Yorker, Charles Spence spiega come l’idea di comprendere come il cervello umano integra le informazioni provenienti dai cinque sensi gli è venuta una dozzina di anni fa mentre si trovava seduto in un pub e osservava le persone che mangiavano le patatine, rendendosi conto che si trovava in presenza del suo primo modello sperimentale ideale: la patatina fritta.

La prima ricerca di Spence si è concentrata proprio sulle patatine e su come il gusto cambi a seconda della sua consistenza, e del suo scricchiolio (ed ecco venire in gioco le orecchie) e il loro colore (dalla serie anche l’occhio vuole la sua parte). Dalla ricerca è emerso che chi mangia le patatine è portato a credere che siano più o meno fresche a seconda del suono che fanno mentre si masticano.

Le successive ricerche del professore inglese svolte su altri tipi di cibi o bevande gli hanno dato ancora ragione. Ad esempio, è stato dimostrato che il gusto del caffè può risultare più intenso se bevuto in una tazza bianca invece che trasparente, o che una mousse alla fragola può risultare più dolce del dieci per cento se mangiata in un contenitore bianco invece che nero. Anche il tipo di confezione del cibo può influire sul gusto, il packaging può rendere alla vista il cibo più saporito.

“Gli anziani vivono in un mondo dal sapore completamente differente, ma possono comunque apprezzare colori, forme e suoni. Come possiamo fare a ottimizzare le loro sensazioni? Gli anziani devono aggiungere il doppio del sale a una zuppa per ottenere lo stesso sapore, ma questo effetto può essere mitigato presentando la zuppa in un piatto blu, un colore che viene associato agli alimenti salati. Anche la perdita di olfatto tipica degli anziani può essere controbilanciata accompagnando il cibo con degli effetti sonori. Questi effetti esistono, l’unica questione è come usarli”

spiega il professor Spence.

Per la sua prima ricerca sulle patatine fritte, il professor Spence ha anche ricevuto il premio Ig Nobel, che viene assegnato annualmente a dieci ricercatori autori di ricerche strane, divertenti, e perfino assurde, quel tipo di lavori improbabili che prima fanno ridere e poi danno da pensare.

[easy_ad_inject_2]
Vincent Dimaggio
Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it
http://www.notiziefree.it

Similar Articles

Lascia un commento


Top