Imu e Tasi. Confartigianato:”aliquote più alte in Umbria”. Alte anche in Campania e Sicilia

Roma, 13 giugno 2015 – Alla vigilia delle scadenze fiscali sulla casa, ed in particolare del fatidico giorno 16 quando tanti proprietari di immobili f24 alla mano dovranno sborsare centinaia di euro per Imu e Tasi, arriva la denuncia di Confartigianato secondo la quale l’Italia è divisa da aliquote molto diverse tra nord e sud ed in Umbria ci sono le aliquote più alte così come in Campania e Sicilia.

[easy_ad_inject_1] Una vera e propria “giungla di aliquote” è quella che viene evidenziata dall’associazione degli artigiani, con differenze significative tra le diverse regioni d’italia. Peggio di tutti Umbria dove si calcola l’aliquota del 10,34 per mille, seguita dalla Campania con il 10,19 per mille e Sicilia (10,16).

Fortunati (si fa per dire) i proprietari di case in Val d’Aosta (8,16), Friuli Venezia Giulia (8,97) e Sardegna (9,05).

A livello provinciale le città più tartassate sono Trieste (10,99), Lucca (10,57) e Terni (10,54). Le meno tartassate Aosta (8,16), Ogliastra (8,19), Oristano (8,25).

[easy_ad_inject_2] [starbox]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l’autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore..
Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *