In Toscana il parto è veloce: mamma e bebé a casa sei ore dopo la nascita

Firenze, 12 gennaio 2016 – Il sogno di tutte le mamme sta diventando realtà grazie ad un nuovo progetto sperimentale che permette a mamma e bebé di tornare a casa a distanza di sole sei ore dal parto standosene comodamente e intimamente tra le mura di casa.

Il rivoluzionario metodo si sta sperimentando all’ospedale Torregalli di Firenze da tre mesi, requisito necessario, ovviamente, un quadro clinico perfetto delle condizioni della mamma e del neonato che possono “usufruire” della cosiddetta dimissione precoce, favorendo in questo modo anche la liberazione di posti letto.

“Finora abbiamo avuto una buona risposta e tutto è filato liscio, con allattamenti esclusivi al seno ben avviati e mamme felici dell’esperienza. Le richieste sono state molte, ma quelle soddisfatte poco più di una decina perché i requisiti molto restrittivi sono un bell’imbuto. Prima di allentarli vogliamo renderci conto se la procedura avviata regge bene. Rientra tutto in un percorso di umanizzazione della nascita: nelle situazioni in cui va tutto bene, sia la salute che la gestione del piccolo, non si vede perché non facilitare il ritorno a casa”

ha spiegato Marco Pezzati, il direttore del dipartimento materno infantile dell’azienda sanitaria di Firenze.

Il progetto sperimentale permette dunque di poter rientrare a casa pochissime ore dopo il parto e, soprattutto, permette al neonato di entrare subito a far parte della famiglia.

In questo modo le mamme si sentiranno un po’ come Kate Middleton che ha partorito la sua bambina la mattina e il pomeriggio era già stata dimessa, pronta a rientrare nella royal casa e a farsi fotografare in braccio alla mamma.

Va precisato che non tutte le donne possono usufruire di questa possibilità. Come detto, è necessario che presentino un quadro clinico che escluda ogni possibile complicazione, che la mamma abbia già avuto un figlio in precedenza e che la gravidanza sia giunta al termine, cioè tra la 37esima e la 42esima settimana.

Ma il progetto sperimentale sembra destinato a diffondersi a macchia d’olio, speriamo preso da esempio anche da altre strutture ospedaliere. Secondo le stime del Torregalli, infatti, almeno un bambino su cinque avrebbe la possibilità di andare a casa con la mamma poche ore dopo la nascita.

L’ospedale fa sapere, inoltre, che, una volta dimessi mamma e bebé non vengono lasciati soli in quanto il giorno dopo un’ostetrica si reca al domicilio per visitare tutti e due, e due giorni entrambi tornano in ospedale per gli screening obbligatori.

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *