You are here
Home > Salute > Infedeltà o fedeltà: potrebbe dipendere dal Dna ma non diventi un alibi

Infedeltà o fedeltà: potrebbe dipendere dal Dna ma non diventi un alibi

disfunzione erettile

L’infedeltà è questione di Dna? Dopo le recenti ricerche, ritorna con forza il tema caldo dell’infedeltà come effetto legato ad una predisposizione genetica, argomento affrontato nel corso del 23° congresso dell’Associazione europea di psichiatria conclusosi a Vienna.

Vienna, 1 aprile 2015 – La predisposizione all’infedeltà o alla fedeltà, non dipenderebbe solo da fattori psicologici o culturali, ma potrebbe essere tutta una questione di geni, secondo alcuni studi presentati nel corso del 23° congresso dell’Associazione europea di psichiatria (Epa), che si è concluso ieri a Vienna. Già studi precedenti avevano ipotizzato la possibilità che esistano dei geni coinvolti nell’essere o meno portati al tradimento, ora però gli esperti rallentano un po’ la presa.

“Alcuni primi studi pubblicati di recente suggeriscono che vi sono soggetti più o meno predisposti geneticamente alla fedeltà o all’infedeltà sessuale. Tale predisposizione genetica sarebbe correlata ai sistemi ormonali della dopamina, l’ormone del piacere, e dell’ossitocina, noto anche come l’ormone della gravidanza e dei ‘legami’. Ma per giungere a delle conclusioni definitive sono necessarie ulteriore ricerche su campioni più ampi di popolazione”

[easy_ad_inject_1]spiega lo psichiatra Richard Balon, della Waynestate University di Detroit, Usa.

L’argomento è alquanto delicato poiché chi è avvezzo al tradimento in ciò troverebbe un ottimo alibi. Ma bisogna andarci con le pinze. Gli esperti ipotizzano che vi sia una variabilità nei geni che regolano la predisposizione o meno nei comportamenti sessuali delle persone che vanno ad incidere sulla ricerca della stabilità della coppia o del cosiddetto bisogno di esplorare e provare nuove emozioni al di fuori della normalità di un rapporto stabile.

“Si può dire che alcune prime indicazioni su un possibile legame fra geni e infedeltà ci sono, ma vanno approfondite. Esistono almeno 50 sfumature di grigio”

ha detto Balon prendendo a prestito il titolo di un celebre romanzo, nonché di un film recentemente uscito nelle sale cinematografiche.

Gli esperti comunque ci tengono a sottolineare che per ora si tratta solo di un’ipotesi tutta da verificare e che non può certo diventare un alibi per i traditori abituali.

“Il puro approccio psicologico al tema dell’infedeltà non è più valido, perché è stato sfidato da nuovi dati scientifici che chiamano in causa fattori neurobiologici e genetici”

ammette però Marcel Waldinger della Utrecht University olandese.
[easy_ad_inject_2]

Similar Articles

Lascia un commento


Top