Intercettazione tra Renzi e Adinolfi. Letta: “Frasi si commentano da sole”

Roma, 11 luglio 2015 – “Le frasi e il comportamento di Renzi si commentano da sole”. E’ questo il breve commento di Enrico Letta sulla notizie delle intercettazioni telefoniche di Matteo Renzi quando era ancora sindaco di Firenze mentre alla Presidenza del Consiglio c’era ancora Enrico Letta, dimessosi appena un mese dopo per dare il cambio proprio a Renzi.

[easy_ad_inject_1]Le intercettazioni sono state pubblicate dal Fatto Quotidiano e in esse Renzi parlava telefonicamente al generale della Guardia di Finanza Michele Adinolfi spiegandogli la strategia per togliere Letta dal suo incarico e sostituirlo. La data è quella dell’11 gennaio 2014 e al Quirinale c’era Giorgio Napolitano, appellato nelle intercettazioni come il “numero uno”.

Le intercettazioni erano contenute nel fascicolo del sostituto procuratore John Woodcock che indagava proprio su Adinolfi e riguardano l’inchiesta sulla coop CPL Concordia (la sua posizione è poi stata archiviata).

Renzi spiega ad Adinolfi la sua strategia per allontanare Letta da Palazzo Chigi – “è un incapace”, dice Renzi riferendosi al premier in carica – e insediarsi al suo posto con l’avallo sostanziale di Silvio Berlusconi.

Le frasi di Renzi: Enrico Letta “non è capace, non è cattivo, non è proprio capace: l’alternativa è governarlo da fuori…”, “sarebbe perfetto” per il Quirinale, “l’unico problema è che bisogna aspettare agosto del 2016” quando compirà 50 anni; ma “quell’altro (Napolitano, ndr) non c’arriva, capito? Me l’ha già detto, vuole lasciare nel 2015”

Solo una settimana dopo quella telefonata Renzi, neo segretario del PD, lancio sui social l’hashtag “#Enricostaisereno” che condurrà alle dimissioni di Letta un mese dopo e il nuovo incarico proprio a Matteo Renzi che giura nelle mani di Giorgio Napolitano come presidente del Consiglio.

Nella telefonata Renzi fa capire che cacciare Letta non è facile  perché l’interessato recalcitra, inoltre non ha l’età per il Colle, (dovrebbe aspettare il 2016 quando compirà 50 anni) e soprattutto il presidente Napolitano non intenderebbe tenergli il posto in caldo prolungando il suo mandato all’infinito.

“La settimana prossima – dice Renzi – sarà un po’ decisiva perché vediamo se riusciamo a chiudere l’accordo sul governo”. Come? “Rimpastino sicuro. Rimpastone, no rimpastino!”. Alla fine sarà un super-rimpastone. Grazie anche al beneplacito del Cavaliere che – fa presente il premier nella telefonata rubata – “sarebbe sensibile a fare un ragionamento diverso”.

Il commento di Enrico Letta: appresa la notizia l’ex premier ha dichiarato che le frasi di Renzi “si commentano da sole”. E c’è chi ha letto come un ulteriore affondo verso il predecessore, il rammarico del premier sulle riforme mancate: «la strada è tracciata ma resta l’amarezza: se queste riforme le avessero fatte quelli prima di noi, la nostra economia oggi sarebbe più forte».

Il Movimento 5 Stelle accusa: siamo in una “Repubblica fondata sul ricatto, una situazione inaccettabile non degna di un Paese civile”, denunciano i capigruppo M5S di Camera e Senato, Francesca Businarolo e Bruno Marton che chiedono che “davanti a una situazione densa di ombre, il governo riferisca immediatamente in Parlamento”.

Anche Di Battista (M5S) si unisce alla richiesta dei suoi capigruppo: “Se a Renzi è rimasto un briciolo di dignità e di coraggio venga in Parlamento, così potremo guardarlo in faccia e dirgli tutto quello che pensiamo di lui. Vediamo se è capace di mentire anche di fronte al Parlamento come quotidianamente fa davanti alle tv”.” ha dichiarato.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

3 pensieri riguardo “Intercettazione tra Renzi e Adinolfi. Letta: “Frasi si commentano da sole””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *