Morcone: “Lavori socialmente utili per i profughi”. Alfano: “Precedenza a italiani”

Migranti

Un lavoro per i profughi in Italia. Morcone (Capo dipartimento Immigrazione del Ministero Interno) propone di far lavorare i profughi in Italia. Alfano (Ministro dell’Interno) dice che si deve dare precedenza agli italiani. Per Calderoli (Lega Nord) si tratta di un’idea “folle e inaccettabile”.

Tanti migranti nei centri di accoglienza, molti di loro profughi richiedenti asilo. Tanti costi per il contribuente per accoglierli e l’attesa per loro può essere lunga prima di ricongiungersi con le famiglie all’estero o nel nostro Paese.

Tra le proposte che emergono nelle ultime ore c’è quella di farli lavorare. Sarebbe questa un’ipotesi all’esame del Governo. Lavori socialmente utili pagati da Comuni e privati in maniera ridotta per recuperare in parte i costi della loro accoglienza.

La proposta arriva dal capo del Dipartimento Immigrazione del ministero dell’Interno, il Prefetto Mario Morcone che in un’intervista al Corriere propone di affidare ai profughi lavori utili per le città o privati.

In sostanza si potrebbero interessare al lavoro utile i migranti che sono “legittimamente sul nostro suolo:i rifugiati e chi ha presentato richiesta d’asilo”.

Per quanto riguarda la retribuzione Morcone pensa a “una retribuzione che potrebbe essere ridotta: la decurtazione servirebbe per recuperare i costi dell’accoglienza”. “E chi mostra buona volontà e capacità d’inserirsi”potrebbe avere attenzione diversa.

Morcone sa bene che l’argomento è poco popolare: “ma non possiamo più lasciare queste persone appese in attesa di un destino che cada dall’alto. E che si abbrutiscano passando la giornata ad attendere il pranzo e la cena” dice.

L’idea sembra interessante e non solo per i profughi che ben potrebbero “occuparsi” in attesa di trovare una sistemazione definitiva sul nostro suolo o in Paesi esteri per ricongiungersi alle famiglie.

Se c’è la possibilità che i Comuni e i Privati possano attivare dei canali di lavoro socialmente utile retribuito anche parzialmente per i profughi, ben si potrebbe pensare nello stesso progetto anche molti disoccupati italiani, soprattutto quelli in particolare stato di necessità e che richiedono urgenza di intervento per ristabilire un minimo di dignità.

E’ più o meno questa anche la posizione del Ministro dell’Interno Angelino Alfano che è intervenuto dai microfoni di Radio Rtl sui contenuti dell’intervista di Morcone. “Occorre che i profughi diano una mano nelle città in cui vivono, attraverso convenzioni con associazioni di volontariato e realizzando risultati che possano essere di utilità sociale. Ma la regola è che nei lavori si dà sempre e comunque precedenza agli italiani” ha detto il Ministro.

Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato e responsabile Organizzazione e Territorio della Lega Nord, giudica “folle e inaccettabile” la proposta di Morcone.

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *