Lavoro in nero: 1.9 milioni di lavoratori non hanno contratto. Stato perde 25 miliardi di euro

Con il famoso Jobs Act tanti lavoratori hanno avuto un contratto a tempo indeterminato. La strada sembrava segnata verso un aumento di assunti, anche dal grande calderone del lavoro nero che in Italia è fenomeno antico.

Antico certamente ma ancora attuale almeno stando agli ultimi dati del Ministero del Lavoro.

Nel 2015 in Italia i lavoratori in nero erano circa 1,9 milioni per oltre 25 miliardi di mancato gettito tra contributi Inps e Inail e imposta sul reddito. La stima arriva dai consulenti del lavoro che hanno elaborato dati del ministero del Lavoro.

Su 206.080 aziende controllate sono state scoperte irregolarità in circa i due terzi (136.028) con 64.775 lavoratori completamente in nero.

“Ogni 3 aziende controllate è stato scoperto un lavoratore sconosciuto alle autorità.

Se il dato statistico dovesse traslarsi a livello complessivo, considerando che le imprese in Italia sono 6 milioni, almeno 2 milioni di aziende potrebbero celare irregolarità sul fronte del lavoro.

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *