You are here
Home > Esteri > Libia. Liberi gli altri due italiani rapiti: “stiamo bene ma psicologicamente devastati”

Libia. Liberi gli altri due italiani rapiti: “stiamo bene ma psicologicamente devastati”

Fallback Image

Roma, 4 marzo 2016 – Sono stati liberati gli altri due italiani dipendenti della Bonatti di Parma rapiti in Libia nel luglio scorso insieme agli altri due colleghi, Fausto Piano e Salvatore Failla, rimasti tragicamente uccisi ieri durante una sparatoria vicino a Sabrata.

Secondo fonti dell’intelligence, Gino Pollicardo e Filippo Calcagno sarebbero nelle mani della polizia locale e stanno per essere trasferiti in una zona sicura. La loro liberazione sarebbe dovuta ai tragici fatti accaduti ieri e che hanno causato la morte degli altri due italiani rapiti.

La notizia della liberazione dei due tecnici italiani era stata anticipata stamattina da Stefano Stucchi, presidente del Copasir, ai microfoni di Rainews24, precisando che doveva confermarla con l’intelligence. “Avevamo sempre detto che l’importante era riportarli a casa vivi”, ha detto Stucchi. La liberazione è stata confermata anche dal Consiglio militare di Sabrata.

Su Corriere.it pubblicata l’immagine dei due tecnici liberati, con barba e capelli lunghi, mentre parlano al telefono e con un messaggio scritto in stampatello su un foglio di quaderno in cui si legge “”Io sono Gino Pollicardo e con il mio collega Filippo Calcagno oggi 5 marzo 2016 siamo liberi e stiamo dicretamente fisicamente, ma psicologicamente devastati. Abbiamo bisogno di tornare urgentemente in Italia”.

Ma Gino Pollicardo e Filippo Calcagno, anche loro tecnici della Bonatti, stanno bene, lo hanno fatto sapere loro stessi alle loro famiglie nella prima telefonata che hanno fatto dopo la loro liberazione.

La moglie di Pollicardo è riuscita a sentirlo al telefono. Il figlio di Calcagno ha detto che hanno appreso della notizia della liberazione degli ostaggi dai media e che insieme a tutta la famiglia stanno attendendo una conferma dalla Farnesina, che per il momento si mantiene cauta, anche se è in continuo contatto con i familiari degli ostaggi. “La notizia dovrebbe essere certa ma stiamo aspettando l’ufficializzazione della liberazione di mio padre”, ha detto Gianluca Calcagno, figlio di Filippo.

Mena Cirillo
Appassionata di divulgazione dal 2001 al 2009 ho collaborato con la testata giornalistica Salus.it e dal 2009 al 2011 con Italia News. Per contattarmi: notizie@notiziefree.it

Similar Articles

Lascia un commento


Top