Mafia Capitale. Nuovi indagati eccellenti. Grillo denuncia Orfini

Roma, 6 giugno 2015 – Altre novità si registrano oggi nell’ambito dell’inchiesta “Mafia Capitale” che ha portato l’altro ieri, all’arresto di 44 persone. Dopo il nome del sottosegretario all’Agricoltura ed ex presidente della Provincia di Catania, Giuseppe Castiglione (Ncd), il cui nome risulta tra i sei indagati per turbativa d’asta nell’inchiesta della procura di Catania sull’appalto per la gestione del Cara di Mineo, centro migranti in Sicilia, spunta anche quello dell’ex assessore all’Ambiente della giunta Alemanno, Marco Visconti, oggetto l’altro ieri di perquisizioni.

[easy_ad_inject_1] Indagato anche Antonio Pulcini, costruttore e padre di Daniele che da ieri è ai domiciliari. Indagati anche C.S. Nucera, ex capo segreteria di Francesco D’Ausilio (ex capogruppo Pd al Comune di Roma); Maurizio Marotta, presidente della cooperativa Capodarco, e Gabriella Errico, presidente della cooperativa che gestitisce il centro migranti a Tor Sapienza.

Il Ministro della Giustizia, Orlando, a margine del 45esimo convegno dei giovani imprenditori di Confindustria a Santa Margherita Ligure ha dichiarato che l’ultimo capitolo di Mafia capitale “è una brutta pagina per la politica e per le istituzioni, alla quale bisogna reagire con degli interventi normativi come quelli recentemente approvati e con iniziative politiche come quelle che il Pd ha assunto con il commissariamento del Partito a Roma”.

Intanto Grillo si scaglia contro il PD e fa sapere da twitter che “Di Maio ha querelato Matteo Orfini per le sue dichiarazioni. Gli ha chiesto un risarcimento.I soldi andranno al microcredito”. Il tutto sarebbe legato alle dichiarazioni di Orfini secondo il quale il M5S “ha un leader che dice che la mafia non esiste”, accuse che per i grillini sono strumentali: “Nel 2005 denunciò con don Ciotti e il procuratore Castelli la presenza della mafia a Roma. Prendere una frase fuori contesto è da vigliacchi. Orfini -dicono i grillini- accusa un esponente 5 Stelle di aver avuto 2 like su FB da un membro di un clan di Ostia che neanche conosce”.

La replica del Partito Democratico non tarda ad arrivare: “Grillo e i suoi hanno capito che il nemico è la mafia che mangia le istituzioni? Continuano a disturbare il dibattito con azioni inutili come la querela al presidente Orfini”ha dichiarato Ermini, responsabile Giustizia Pd, che ha aggiunto: “Perdono la bussola mentre Roma e il Paese hanno bisogno di una classe politica trasparente e responsabile”.

“Ieri Di Maio ha usato parole gravissime contro la dirigenza Pd: ‘un gruppo pericoloso per le casse dello Stato e per i cittadini’. Si riferiva a persone pulite. Dovremmo querelarlo noi” ha aggiunto.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *