Mal di mare e mal d’auto si combattono con piccole scosse elettriche al cervello

Londra (Regno Unito), 7 settembre 2015 – Il mal di mare e il mal d’auto in un futuro non troppo lontano potrebbero essere combattuti con delle piccole scosse elettriche al cervello. Lo ha scoperto un team di ricercatori dell’Imperial College di Londra, nel Regno Unito, secondo cui per risolvere il problema dei sintomi da mal d’auto e mal di mare, come nausea, capogiri, vertigini e sudorazione fredda, basterebbe applicare al cuoio capelluto dei piccoli elettrodi che inviano al cervello lievi scosse elettriche che, quasi, nemmeno si avvertono.

[easy_ad_inject_1]La causa della cinetosi (quella serie di disturbi che sopravvengono a seguito di spostamenti o viaggi su mezzi di trasporto quali navi, aerei, treni, automobili), spiegano i ricercatori, è ancora sconosciuta ma secondo una credenza popolare tra gli scienziati avrebbe a che fare con messaggi confusi ricevuti dal nostro cervello da entrambi i nostri occhi e le nostre orecchie, quando ci siamo in movimento.

La ricerca dell’Imperial College di Londra, i cui risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Neurology, dimostra che una lieve scossa di corrente elettrica applicata al cuoio capelluto può smorzare le risposte in una regione del cervello che è responsabile per l’elaborazione dei segnali di movimento. In questo modo si aiuta il cervello a ridurre l’impatto di informazioni confuse che sta ricevendo e quindi impedisce il problema che causa i sintomi della cinetosi.

Secondo i ricercatori, si tratta di una tecnica sicura ed efficace per combattere il mal d’auto o il mal di mare, non ha effetti collaterali negativi, e già tra qualche anno il dispositivo anti nausea potrebbe essere già sul mercato.

“Siamo certi che entro cinque o dieci anni le persone potranno comprare il dispositivo anti-nausea in farmacia. Potrebbe essere qualcosa simile a quei dispositivi che vengono attualmente utilizzati per il mal di schiena”

ha detto il dottor Arshad Qadeer del Dipartimento di Medicina presso l’Imperial College di Londra che ha condotto la ricerca.

I ricercatori spiegano che il dispositivo potrebbe essere anche integrato in un telefono cellulare, in grado di emettere quella piccola quantità di energia elettrica che occorre da elettrodi collegati ad esso tramite il jack delle cuffie. Il trattamento dovrebbe durare circa 10 minuti prima di mettersi in viaggio in modo da evitare sintomi da mal di mare o mal d’auto, come la nausea (il più fastidiosi tra tutti i sintomi della cinetosi).

Per lo studio i ricercatori hanno posto una serie di elettrodi sulla testa dei volontaari per circa dieci minuti. Poi li hanno fatti sedere su una sedia a rotelle che simulava il movimento ondulatorio che si avverte quando si viaggia su un traghetto, ad esempio, e hanno osservato che erano meno propensi ad avvertire il senso di nausea, recuperando molto più velocemente.

“Siamo davvero entusiasti del potenziale di questo nuovo trattamento per fornire una misura efficace per prevenire la cinetosi senza effetti collaterali apparenti. I vantaggi che abbiamo osservato sono molto vicini agli effetti che vediamo con i farmaci attualmente disponibili per combattere il mal di mare o il mal d’auto”

ha dichiarato il professor Michael Gresty dell’Imperial College, esperto mondiale di cinetosi che ha collaborato alla ricerca.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *