Mal di testa nei bambini: il 9% degli under 12 soffre di emicrania

emicrania bambino

Capri, 11 aprile 2015 – L’emicrania è la causa più frequente di mal di testa nei bambini più piccoli, ne soffre un bambino su dieci sotto i 12 anni. Troppo spesso, però, si arriva ad una corretta diagnosi solo dopo molto tempo, possono arrivare a passare due o tre anni dai primi sintomi, vuoi perché ci si rivolge allo specialista sbagliato o perché si fanno esami che non conducono ad un risultato esaustivo, o perché non si prendono troppo sul serio gli attacchi di mal di testa del bambino, scambiandoli per banali capricci.

[easy_ad_inject_1]Secondo alcuni studi scientifici, l’emicrania colpisce il 9% degli under 12, e per arrivare una diagnosi corretta è fondamentale il ruolo affidato ai genitori. La cefalea dura solitamente dalle 2 alle 48 ore, ma, in alcuni casi, può manifestarsi con una durata di dieci minuti soltanto. Un genitore quindi, può erroneamente confondere il dolore con una simulazione da parte del bambino. Possono essere erroneamente interpretati come capricci, inoltre, i cosiddetti “equivalenti emicranici” (sintomi che accompagnano la malattia) quali: vomito ciclico, dolori della crescita, dolori addominali ricorrenti.

Di emicrania nei bambini si sta discutendo, in questi giorni, alla Scuola di Pediatria organizzata a Capri dall’Osservatorio Nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza, Paidòss.

“Il genitore dovrebbe iniziare a preoccuparsi innanzitutto se anche lui soffre di emicrania. La familiarità, infatti, aumenta del 40% il rischio, e del 70% se a soffrirne sono entrambi i genitori. Poi si deve osservare il comportamento del bambino. Un bimbo che soffre di emicrania, che ha spesso anche sintomi come vomito e nausea, si ritira dalle attività sociali, evita lo sforzo fisico e ha dei comportamenti che devono essere presi sul serio. Il pediatra, poi, con poche domande mirate può confermare il sospetto”

ha spiegato Bruno Colombo, responsabile del centro per la cura e la diagnosi delle cefalee dell’età pediatrica ed adulta dell’università Vita-salute, ospedale San Raffaele di Milano.

Una volta che si è ottenuta una diagnosi corretta, il consiglio degli specialisti è quello di tenere un diario dove annotare le crisi emicraniche man mano che si manifestano. Gli esperti spiegano che se si supera il limite di 4 crisi emicraniche al mese, allora bisogna intervenire con una terapia efficace.

“Stiamo ottenendo buoni risultati con la Ginkgolide B insieme a coenzima Q10, vitamina B12 e magnesio, tutte sostanze naturali, mentre in casi più gravi si possono usare antidolorifici a minore impatto. Anche l’eliminazione di alcuni cibi, del tutto soggettiva, può aiutare. L’importante è non affidarsi al fai da te, come fanno certe mamme che danno al figlio i loro stessi farmaci”

ha detto l’esperto.

[easy_ad_inject_2]

L’emicrania non ha più segreti: scattata la fotografia del cervello con aura

Napoli, 25 gennaio 2016 – Un team di ricercatori della Seconda Università degli Studi di Napoli ha scattato una serie di fotografie del cervello colpito da emicrania con e senza aura, utilizzando la risonanza magnetica funzionale. Scopo della ricerca era quello di comprendere se la comparsa dell’aura, in caso di emicrania, fosse associata all’attivazione di specifiche … Leggi tutto “L’emicrania non ha più segreti: scattata la fotografia del cervello con aura”

0 comments
emicrania bambino

Mal di testa nei bambini: il 9% degli under 12 soffre di emicrania

Capri, 11 aprile 2015 – L’emicrania è la causa più frequente di mal di testa nei bambini più piccoli, ne soffre un bambino su dieci sotto i 12 anni. Troppo spesso, però, si arriva ad una corretta diagnosi solo dopo molto tempo, possono arrivare a passare due o tre anni dai primi sintomi, vuoi perché ci si rivolge … Leggi tutto “Mal di testa nei bambini: il 9% degli under 12 soffre di emicrania”

0 comments
emicrania bambino

Mal di testa nei bambini. In primavera previsto il picco

Roma, 20 marzo 2015 – Le mezze stagioni in genere, e la primavera in particolare, sono periodi dell’anno critici per i bambini che soffrono di mal di testa. In primavera, tra marzo e giugno, aumenta la frequenza degli attacchi di cefalea. Lo comunica l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù in Roma dove tra marzo e giugno, si registra un … Leggi tutto “Mal di testa nei bambini. In primavera previsto il picco”

0 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *