Mangiare una mela al giorno toglie il farmacista di torno, non sempre il medico

mela pesticidi

Michigan (USA), 3 aprile 2015 – Cambiano i tempi e cambiano i proverbi. Mangiare una mela al giorno in realtà non toglierebbe solo il medico di torno, come diceva un antico proverbio, ma sembra che faccia smettere anche di andare dal farmacista. Secondo un recente studio, infatti, i mangiatori di mele hanno la stessa probabilità di andare dal medico di chi non è abituato a consumare questo frutto così delizioso. Tuttavia, i primi avrebbero meno probabilità di essere propensi a farsi prescrivere farmaci.

I ricercatori dell’Università del Michigan, con uno studio più complesso rispetto a quelli portati avanti finora, hanno scoperto che c’è un netto miglioramento della salute quando si mangia più frutta, ed in particolare le mele, ma dai risultati ottenuti emergerebbe che una mela al giorno, più che tenere lontano il medico, tenga lontano il farmacista. E’ noto che le mele fanno bene alla salute, sono ricche di vitamina C che apporta benefici al nostro sistema immunitario; inoltre, riducono la carie e sono ottimi protettori delle cellule cerebrali.

[easy_ad_inject_1]I ricercatori hanno analizzato i dati su 8.399 adulti statunitensi che hanno partecipato al National Health and Nutrition Examination Study. Inizialmente hanno trovato prove a sostegno del vecchio proverbio, tuttavia, quando hanno preso in considerazione altri fattori, come il grado di istruzione o la propensione al fumo, hanno dovuto rivalutare le loro conclusioni. Considerando questi ulteriori fattori, dallo studio è emerso che chi mangiava una mela al giorno aveva la stessa probabilità di rivolgersi allo studio medico rispetto a chi non se ne ciba abitualmente, ma (e qui sta la novità) era meno propenso ad utilizzare farmaci da prescrizione.

Degli 8.399 adulti che hanno preso parte allo studio 753, circa il 9%, mangiava regolarmente una mela al giorno, mentre 7.646, il restante 91%, non lo ha fatto. Riguardo alle volte in cui ci si rivolgeva al proprio medico, la differenza tra i due gruppi è risultata insignificante dopo che i ricercatori hanno considerato fattori quali l’età, l’indice di massa corporea, la razza, la propensione al fumo.

“I nostri risultati suggeriscono che il consumo di mele può incidere nel ridurre la spesa sanitaria nazionale. Nell’era di affermazioni basate sull’evidenza, tuttavia, ci possiamo permettere di dire che una mela al giorno toglie il farmacista di torno

afferma l’autore dello studio Matthew Davis, professore presso il dipartimento di infermieristica dell’Università di scuola del Michigan.

Dato che i costi di prescrizione dei farmaci rappresentano circa il 30 per cento dei servizi sanitari degli Stati Uniti, i ricercatori ritengono che questo risultato sia di un certo interesse. Se mangiare le mele realmente riduce la necessità di ricorrere alla prescrizione dei farmaci, un nesso causale non previsto per questo studio potrebbe rivelare che “la promozione del consumo di mele potrebbe, almeno in teoria, contribuire a contenere i costi per le spese farmaceutiche”.

Molti esperti in materia ritengono che ciò non significa che bisogna correre tutti a fare scorte di mele, poiché le persone che mangiano quotidianamente la frutta sono, semplicemente, più attente alla salute e quindi possono benissimo rivolgersi al medico per motivi di prevenzione più che curativi.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine, con il titolo “Association Between Apple Consumption and Physician Visits Appealing the Conventional Wisdom That an Apple a Day Keeps the Doctor Away”.
[easy_ad_inject_2]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *