Marche. A Maiolati Spontini la discarica “la Cornacchia” diventa Oasi della biodiversità

Milano, 25 giugno 2015 – Una discarica diventa Oasi della biodiversità. Non è un sogno ma è semplicemente realtà. E’ accaduto nelle Marche a Maiolati Spontini, dove lo scorso 20 giugno è stato inaugurata la prima Oasi della Biodiversità dove un tempo vi era la discarica “La Cornacchia”, grazie ad un progetto realizzato e monitorato dall’Università Politecnica delle Marche e portato avanti dai professori Fabio Taffetani e Nunzio Isidoro e la cui gestione è stata affidata alla Sogenus, infatti, è l’ex discarica “La Cornacchia”.

Il vero e proprio miracolo ambientale è stato possibile grazie al lavoro dei ricercatori del Politecnico marchigiano che hanno ripristinando gli equilibri strutturali e funzionali dell’ecosistema e piantumando ben 13.956 esemplari di piante autoctone, contribuendo così a migliorare la biodiversità della zona.

Nell’Oasi è stata realizzata una stazione di biomonitoraggio composta da due arnie per api, strumento che, conteggiando il numero di api morte ogni settimana segnalerà lo stato dello stress ambientale da inquinamento chimico, dovuto in larga parte a prodotti fitosanitari, metalli pesanti e radionuclidi. Se nel conteggio le api morte saranno superiori a 200 esemplari, verranno sottoposte ad analisi cliniche per rilevare eventuali prodotti fitosanitari. Finora non è mai stata superata la soglia critica di 200 api morte a settimana.

L’Oasi sarà adibita anche a spazio didattico ed educativo con iniziative aperte a studenti, abitanti del luogo e a chiunque sia interessato a compiere una visita guidata nell’area.
[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *