Marche. Frase choc di Sandro Zaffiri (Lega): Olio di ricino per il Prefetto Gabrielli

Ancona, 20 luglio 2015 – E’ polemica per una frase choc scritta su Facebook dal Vice Presidente del Consiglio della Regione Marche, Sandro Zaffiri (Lega), che sul conto del Prefetto di Roma Franco Gabrielli avrebbe detto: “Gabrielli un porco di un comunista al servizio di Pd attento che ti abbiamo segnato in elenco e arriveremo, l’olio di ricino te ne daremo tanto

[easy_ad_inject_1] La frase riaccende le polemiche dopo gli scontri di Casale San Nicola a Roma, quando alcuni residenti e militanti di Casa Pound hanno protestato per l’arrivo di alcuni profughi.

Poi sono arrivate le scuse di Zaffiri: “Ho chiesto scusa a Gabrielli – ha detto Sandro Zaffiri – Ma nella sostanza confermo tutto perché effettivamente i problemi sono gravi. Chiedo scusa perché la mia era una provocazione, è ovvio che non abbiamo né liste né azioni da compiere, però resta il fatto che ci sono stati degli scontri che hanno coinvolto un popolo che difendeva il territorio dal degrado e dall’arrivo degli immigrati. Allora discutiamone. Se invece si continuano a portare clandestini in mezzo ad un popolo che protesta siamo fuori dal mondo”.

Luca Ceriscioli, presidente Regione Marche: “Le parole scritte sul profilo Facebook di Zaffiri non possono che essere condannate e stigmatizzate. Nessuno può permettersi di evocare pratiche fasciste, per di più se é un rappresentante delle istituzioni” e aggiunge “É vergognoso e mi auguro possa quantomeno chiedere scusa al prefetto Gabrielli al quale va tutta la mia solidarietà e quella della giunta regionale per il lavoro che sta compiendo. Proprio questa mattina ho letto le parole del padre di Raghad, la bambina morta su un barcone per mancanza di insulina e poi gettata in mare dalla sua famiglia. Una vicenda che non può lasciarci indifferenti. Le Marche continueranno a fare la loro parte, la solidarietà tra i popoli è il principio fondante della nostra democrazia e chi va contro questo valore non merita di rappresentare il consiglio regionale. Evocare pratiche squadriste o continuare ad aizzare e stuzzicare istinti populisti come fanno la Lega e Salvini, non contribuisce in alcun modo a risolvere e mettere freno al fenomeno dell’immigrazione”.

Francesco Comi, segretario del PD delle Marche:”È inaccettabile e riprovevole l’espressione adottata da Zaffiri contro il prefetto di Roma Gabrielli. Violare così prepotentemente il rispetto della persona e scadere nella becera violenza verbale dimostra il limite umano prima ancora che politico, ma è ancor più grave se si pensa che tale comportamento è del vice presidente del Consiglio regionale. Ragion per cui ritengo opportuno richiedere le sue dimissioni da tale carica”.

Gianluca Busilacchi, capogruppo Pd in Regione Marche dichiara il suo sconcerto e indignazione “Condanno fortemente le frasi di inaudita violenza usate da Zaffiri Non sono degne in assoluto, a maggior ragione se a pronunciarle è un uomo delle istituzioni, che ricopre un’importante carica istituzionale, come è quella della vicepresidenza del Consiglio regionale”.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l’autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore..
Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *