Mark Ruffalo, l’incredibile Hulk a Giffoni: ecco come sono guarito dal tumore al cervello

Giffoni (SA), 21 luglio 2015 – Mark Ruffalo, la superstar hollywoodiana che ha vestito i panni dell’incredibile Hulk nel movie della Marvel “Hulk in Avengers: Age of Ultron”, primo ospite internazionale del Giffoni Experience, parlando con i 3600 giurati raccolti in Sala Truffaut, ha raccontato di una delle più difficili esperienze della sua vita.

[easy_ad_inject_1]L’occasione per raccontare del suo tumore al cervello e di come sia guarito è arrivata quando un ragazzo ha chiesto all’attore se poteva parlargli di quando aveva avuto un serio problema di salute perché, ha detto il giovane giurato, “sto attraversando un’esperienza simile anch’io”.

Mark Ruffalo, guardandosi intorno, ha iniziato a trovare il coraggio per raccontare la sua storia personale e rivolgendosi ai ragazzi in sala ha detto “siete fantastici, andate dritti al punto, eh?”.

“E’ vero, diversi anni fa ho avuto un problema con un tumore benigno al cervello che mi ha provocato una paralisi parziale del viso. Quanta paura può avere un attore di non muovere più la faccia? Potete immaginarlo. Mi hanno aiutato mia moglie, i miei figli, avevo un figlio nato appena due settimane prima e mi sono dovuto operare. Ho anche pregato molto, non ero abituato a farlo. Ho avuto paura di tutto, di non essere più espressivo, mi dicevo che avrei potuto fare il regista, lo sceneggiatore ma probabilmente non avrei più recitato. Dopo l’operazione ho cominciato la riabilitazione, facevo tutti i giorni la terapia, è stata dura, facevo sedute continue di agopuntura e un giorno, mentre mi trovavo in macchina con mia moglie diretto allo studio del medico, ho sentito la palpebra che cominciava a muoversi. Allora ho urlato come un pazzo: ‘Oh mio Dio, posso tornare a fare l’attore!”

ha raccontato il 47enne attore visibilmente emozionato.

E’ esploso subito l’applauso dei ragazzi e subito dopo Mark Ruffalo rivolgendosi al ragazzo che gli aveva posto la domanda, ha detto:

“Non conosco la tua situazione, vedo solo che sei molto giovane e allora voglio dirti una cosa: ragazzo, sei tu il mio eroe!”.

Prima di lasciare il Giffoni Film Festival, Ruffalo ha salutato i ragazzi ringraziando i 45 anni del Festival, e ha detto che tra i ruoli che vorrebbe interpretare c’è anche quello di Bambi.

“Vi prego, fatevi un superselfie con me!”

ha detto ai ragazzi prima di congedarsi da loro.

Poi è andato sul blu carpet e sposndo la causa dell’ecologia si è fatto fotografare con un cartello “Ruffalo, eroe verde!”.

Al suo arrivo in Italia, insieme alla moglie Sunrise Coigney, Mark Rufffalo ha detto:

“Sono nella mia terra d’origine. Mi sento davvero a casa”

ricordando le sue origini italiane. La famiglia del nonno paterno, infatti, proviene dalla Calabria.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *