Marò: l’odissea continua. Rinviato al 7 luglio udienza sul ricorso contro Nia

New Dehli (India), 3 maggio 2015 – E’ un’odissea senza fine la vicenda dei due marò italiani, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, accusati di aver ucciso due pescatori imbarcati su un peschereccio indiano scambiato per un battello dedito alla pirateria il 15 febbraio 2012 al largo della costa del Kerala.

Dopo tre governi in tre anni non si vede ancora la luce di una soluzione per i nostri due soldati che prestavano servizio antipirateria sulla nave Enrica Lexie.

[easy_ad_inject_1] La Corte Suprema indiana ha fissato per il 7 luglio l’udienza riguardante il ricorso presentato dai nostri soldati contro l’utilizzazione della polizia investigativa Nia nel processo che li riguarda.

Lo riferisce il sito web della Corte. Si tratta dell’ennesimo rinvio in oltre tre anni.L ’udienza avrebbe dovuto tenersi il 28 aprile scorso, ma quel giorno i giudici della Suprema Corte decisero di esaminare solo un caso, complesso e implicante possibili condanne a morte, rinviando tutte le altre udienze.

In quella data, il 7 luglio, sarà scaduto il permesso speciale concesso a Latorre di poter stare in Italia per le terapie legate all’ictus che lo ha colpito a fine agosto 2015.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *