Mercato San Severino (Salerno). Carabiniere litiga col padre anziano e lo uccide

Salerno, 31 marzo 2016 – Un maresciallo dei carabinieri, in servizio al nucleo Radiomobile di Catania, è stato arrestato per aver sparato al padre di 73 anni, uccidendolo.

La tragedia è avvenuta nella notte, nei pressi del casello autostradale di Mercato San Severino, in provincia di Salerno.

Da una prima ricostruzione dei fatti sarebbe emerso che i due viaggiavano verso nord e stavano litigando in auto quando all’improvviso è partito dalla pistola del militare uno sparo che è stato fatale all’anziano, originario della provincia di Caserta, morto sul colpo mentre era alla guida della sua autovettura.

Ad allertare i carabinieri del Comando Provinciale Carabinieri di Salerno una telefonata che li avvisava della presenza di una vettura in una stazione di servizio con a bordo un uomo riverso sul sedile. Il carabiniere aveva lasciato lì il padre ormai deceduto e avrebbe vagato in stato confusionale per ore nelle campagne di Roccapiemonte prima di essere rintracciato e tratto in arresto con l’accusa di omicidio volontario dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Salerno.

Le indagini sull’accaduto, volte a ricostruire la dinamica dell’omicidio, sono tuttora in corso e sono condotte dalla Procura di Nocera Inferiore. Gli inquirenti stanno cercando di scoprire quale possa essere il movente che ha indotto il militare a sparare al padre, uccidendolo.

Nell’auto sono stati rinvenuti oltre alla fondina della pistola di ordinanza del carabiniere, anche il bossolo calibro 9 oltre ad altri effetti personali del militare.

Il carabiniere è stato condotto presso la Sezione detenuti dell’ospedale di Salerno, visto lo stato di choc emotivo riscontratogli da un primo esame sanitario, a disposizione dell’Autorità giudiziaria di Nocera Inferiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *